Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Ass. "Obiettivo Pellaro": "raccolta differenziata: nuovo fallimento?"

REGGIO. Ass. "Obiettivo Pellaro": "raccolta differenziata: nuovo fallimento?"

ReP

Che la giunta Falcomatà avesse intrapreso un compito arduo se non proibitivo , tutta la città ne era consapevole, ma la speranza di una seconda primavera , non si è mai sopita nell’ animo dei reggini. La pesante eredità del passato che ha causato un disastro morale , ancorchè economico, condizionerà e non poco , ogni aspettativa di sviluppo e di miglioramento nel vivere quotidiano di ognuno, almeno nel medio termine. La mautenzione e il decoro urbano , sono carenti come non mai e la consapevolezza che i margini ridotti in cui questa amministrazione è costretta ad operare , a nostro parere , avrebbe indotto il sindaco e la giunta ad essere più incisivi su alcuni temi in itinere. Ci riferiamo al nuovo percorso intrapreso dall’AVR riguardante rifiuti e raccolta differenziata, un ambito in cui la nostra città si colloca agli ultimi posti in Europa , e che anche per le nostre inadempienze , vede l’ Italia pagare pesanti penali per non aver raggiunto gli obiettivi prefissati . Nella zona sud e adesso nella zona nord della città , si è passati al sistema della raccolta differenziata spinta ,con l’ eliminazione dei cassonetti stradali di prossimità, ma se la maggior parte di cittadini , collabora in maniera corretta alle nuove direttive, si assiste di contro allo zoccolo duro di incivili , che vanificano ciò che di buono , fa la maggioranza dei cittadini onesti. Purtroppo nei luoghi dove insistevano i cassonetti stradali , e non solo, i rifiuti che vengono abbandonati , si stanno accumulando sempre più, malgrado l’ amministrazione e l’ AVR , avevano assicurato serrati controlli e sanzioni e la rimozione tempestiva dei rifiuti. Invece sta montando l’ opinione tra chi sta effettuando la raccolta differenziata , che di questo passo , il servizio andrà miseramente verso il fallimento , perdendo ancora una volta l’ occasione di dare un’ immagine diversa della città in ambito di decoro , al resto del paese . A nostro avviso i controlli sono insufficienti e non sono sicuramente i pochi ispettori ambientali , anche se armati di buona volontà , a poter essere di contrasto a chi , a tutte le ore del giorno e della notte , abbandona impunemente rifiuti in ogni dove, per questo chiediamo con forza , una sinergia tra le forze dell’ ordine per contrastare con fermezza , le cattive abitudini di qualche centinaio di persone incivili. Non è possibile che in questa città la minoranza condizioni ,da sempre, in maniera negativa la stragrande maggioranza dei cittadini onesti. E’ necessario inoltre che venga effettuato l’incrocio dei dati anagrafici con quelli in possesso da AVR , di quanti hanno ritirato i mastelli, possibile che nessuno si domandi , come mai in alcune zone densamente popolate, la raccolta dei mastelli , venga effettuata a macchia di leopardo? Possibile che nessuno si domandi , dove smaltisce chi non ha ritirato i mastelli ? Eppure in campagna elettorale   si riuscivano a scovare anche gli eremiti in grotta. In attesa di una nuova primavera di Reggio , auguriamo che i contenuti di una famosa frase di Corrado Alvaro , non vengano mai ad applicarsi. ‘’ La disperazione più grande che possa impadronirsi di una società , è il dubbio che vivere onestamente, sia inutile’’                                          

 

Associazione di volontariato Obiettivo Pellaro