Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Nessuno escluso mai, il motto di don Italo Calabrò

REGGIO. Nessuno escluso mai, il motto di don Italo Calabrò
ReP

Quest’anno ricorre il XXV anniversario del transito di don Italo Calabrò e l’Arcivescovo Morosini ha costituito una Commissione che organizzasse una serie di eventi per evidenziare lo spessore umano e sacerdotale di quest’uomo che ha risposto alla chiamata del Vangelo facendo della propria vita un dono a quegli uomini e donne a cui la società aveva tolto spazi di dignità e libertà: poveri di ogni categoria e disabili.
La conferenza stampa del 17 aprile ha introdotto il calendario degli eventi in programma durante quest’anno e il primo, quello del 20 aprile aveva come tema: Don Italo, sacerdote secondo il cuore di Dio.
Questo primo momento si è tenuto in Seminario per evidenziare il valore di una scelta sacerdotale credibile e creduta, per offrire ai sacerdoti più giovani il ricordo di una pagina di storia “modificata” dalla vita di un prete e a quelli meno giovani che è data facoltà agli uomini, che non si sottraggono alla volontà di Dio, di essere protagonisti di cambiamento dei contesti sociali e civili abitati dai propri simili.
Già dall’introduzione curata da don Iachino (Assistente spirituale di Agape e Piccola Opera), il Convegno si è trasformato nella narrazione di una storia e di una serie di eventi che si sono svolti nel tempo e incentrati sulla figura di don Italo. “Sono le opere di don Italo che hanno lasciato delle tracce indelebili nel tessuto della nostra chiesa locale e sono diverse le pubblicazioni che nel corso di questi anni hanno richiamato una riflessione sulla vita di don Italo”: così si esprime don Iachino nell’avviare la narrazione intorno a questa figura.
Don Sasà Santoro, Rettore del Seminario, porge il saluto di accoglienza dell’evento e nel ringraziare ricorda, anche lui, alcuni episodi del suo incontro col sacerdote reggino quando era ancora seminarista.
Don Benvenuto Malara è il primo relatore che prende la parola per ricondurre ai nostri giorni momenti di vita nel tempo condiviso con don Italo a partire dagli anni ’50. La voce è commossa ma riesce a trasferire ai convenuti quale era lo stile di vita di questa straordinaria figura. Sempre pronto a servire i fratelli sia all’interno della chiesa che tra la polvere della povera gente. Un prete che ha saputo incarnale la chiesa della casula, del lezionario e del grembiule. Il suo rapporto con Dio veniva alimentato dalla condivisione della sua vita con quella dei poveri e dei disabili e questo lo rendeva affascinante perché comunicava di quale Amore è capace l’uomo quando ospita Dio nel suo cuore.
Umile ma deciso, sereno e misericordioso, forte ma paziente don Italo “tuonava” di fronte ad ingiustizie e soprusi come nella vicenda del sequestro del piccolo Diano. Come quando si sfoglia un album fotografico don Malara ripropone scatti di storia. Fatti che muovono la coscienza ieri come oggi e l’ultima perla è la trasparenza e della misericordia dell’Amore di Dio che don Italo comunicava.
L'altro relatore, l’Avvocato Alberto Panuccio, oggi Presidente dell’Ordine degli Avvocati, rievoca un percorso storico “molto disordinato” a suo parere poiché dare un senso cronologico alle cose fatte o dette da don Italo è impresa ardua considerando che il sacerdote affrontava le situazioni sovrapponendo soluzioni e aprendo nuovi interventi.
L’Avvocato si sofferma sulla modalità che aveva don Italo di trasformare luoghi insignificanti in splendidi luoghi di accoglienza. Un chiaro riferimento è l’uso della canonica di San Giovanni di Sambatello. Ci è voluto l’intervento dei suoi studenti del Panella a renderla prima abitabile per essere frequentata dai disabili e diventare laboratorio di ricerca per consentire a queste persone di entrare nel mondo del lavoro.
Comincia da qui la nascita delle “opere” riconducibili al genio apostolico di don Italo. Ma la vera opera di don Italo è la capacità di collocare l’uomo a immagine di Dio nella realtà del mondo.
Sintesi di questo lavoro è l’impegno trasfuso per la chiusura dell’ospedale psichiatrico di Reggio Calabria. Oggi la strada che porta alla Piccola Opera (piccola perché si occupa dei piccoli e degli ultimi) porta il nome di don Italo Calabrò – Sacerdote ed Educatore è scritto così sulla targa...ma si legge: “nessuno escluso mai!”.