Direttore: Aldo Varano    

Calabria. Sanità, Nesci (M5s) scrive ad Oliverio per chiudere con revisore Kpmg

Calabria. Sanità, Nesci (M5s) scrive ad Oliverio per chiudere con revisore Kpmg
 

Rep

Per lettera la deputata M5s Dalila Nesci ha chiesto al governatore della Calabria, Mario Oliverio, di far accorciare la durata del rapporto tra Regione e Kpmg, revisore dei conti per il rientro dal debito sanitario, anche per consentire a giovani contabili calabresi di lavorare nello specifico ambito sanitario. La parlamentare – che, alla luce delle dichiarazioni del ministro della Salute sull'avvenuto rientro dei conti, nella missiva ha evidenziato l'inutilità e i pesanti costi del revisore, imposto da Roma – ha posto l'accento sulla durata del contratto con Kpmg, che scadrà nel marzo 2017, prorogabile sino a settembre dello stesso anno. Per la deputata Cinque stelle, poiché il piano di rientro terminerà il 31 dicembre 2015, la scadenza sottoscritta dal dg del dipartimento regionale Tutela della Salute, è inaccettabile, «una delle perle di Bruno Zito», lo stesso dirigente – ha scritto Nesci a Oliverio –  che «tentò una riorganizzazione del dipartimento a soli 4 giorni dalle elezioni; che provò a legittimare il decaduto presidente Scopelliti quale commissario per il rientro; che rimase immobile per le nomine illegittime di Alessandro Moretti, Santo Gioffrè e Giulio Carpentieri; che dichiarò la necessità di un decreto commissariale di recepimento per le nomine dei vertici aziendali operate dalla giunta ma rimase zitto di fronte a quelle nuove; che annullò la richiesta di sospensione del surplus di finanziamento all’Aou Mater Domini proveniente dal settore economico-finanziario del suo stesso dipartimento». Insomma, ancora la volta parlamentare M5s è entrata nel merito dell'amministrazione della sanità regionale, ponendo Oliverio davanti a una scelta: accettare la durata del contratto tra Regione e Kpmg o rivederla, «a vantaggio – spiega la stessa Nesci– di un risparmio netto e della possibilità di assumere giovani laureati della nostra Calabria».