Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Incontri formativi per i Comuni su "Protocollo Tribunale per i Minorenni"

REGGIO. Incontri formativi per i Comuni su "Protocollo Tribunale per i Minorenni"

A seguito dell’ entrata in vigore del "Protocollo d’Intesa per assicurare la piena attuazione delle funzioni di tutela dei minori destinatari di provvedimenti giudiziari civili e penali, ivi inclusi quelli riguardanti i minori vittime di abusi sessuali o maltrattamenti intra-familiari nell’ambito della provincia di Reggio Calabria", stipulato il 15 luglio 2014 presso la Prefettura di Reggio Calabria, il Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria incontra il territorio.La dott.ssa Tiziana Catalano psicologa, giudice onorario, segretario di sezione Associazione Italiana Magistrati dei Minori e della Famiglia coordinatrice per il Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria tiene cicli di incontri a carattere formativo - operativo e programmatico per lo sviluppo e la sensibilizzazione di una nuova cultura a tutela dei diritti dei minori e delle famiglia attraverso azioni interdisciplinari. Tale iniziativa è finalizzata a concretizzare delle buone prassi utili al raggiungimento degli obiettivi che il protocollo d’intesa si prefigge, attraverso una reale condivisione di intenti tra gli enti locali e l’autorità giudiziaria.I delicati provvedimenti giudiziari in materia di minori e famiglia, infatti, trovano una loro effettiva efficacia per la risoluzione dei problemi e un giusto indirizzo normativo solo se le agenzie preposte per gli interventi di tipo sanitario e sociale lavorano sinergicamente e tempestivamente per il raggiungimento degli obiettivi. Sono stati organizzati, pertanto, momenti formativi e di confronto operativo tra il Tribunale per i Minorenni, il Comune di Reggio Calabria e i Comuni della provincia. Gli incontri con i Comuni si tengono presso l’Aula di Udienza del Tribunale per i Minorenni di Reggio Calabria con inizio il18 maggio 2015 alle ore 15.30.In quest’ ottica sono già in corso dal mese di marzo, presso il Tribunale per i Minorenni, gli incontri con gli operatori ASP e il lavoro di coordinamento continuerà coinvolgendo gli altri attori territoriali che hanno siglato il protocollo .