Direttore: Aldo Varano    

Expo 2015. Presentata la settimana calabrese "Dal sapere al fare"

Expo 2015. Presentata la settimana calabrese "Dal sapere al fare"
E’ stato illustrato, nel corso di una conferenza stampa, dall’Assessore allo “Sviluppo Economico” Carlo Guccione, assieme al Dirigente generale del Dipartimento “Sviluppo economico” Antonio De Marco e al consulente Giovanni Soda, il programma della prima settimana di attività della Regione, nell’ambito dell’Expo 2015. Il prossimo ventisei giugno, la Regione, infatti, inaugurerà la prima settimana del programma di attività che sostanzierà la partecipazione ad EXPO 2015. L’Assessore Guccione ha sottolineato l’importanza che il grande evento avrà per la nostra regione. “Apriamo la nostra presenza all’Expo, che non è una fiera ma una grande occasione, con questa prima settimana “Dal sapere al fare”. Punteremo sulla nostra dieta mediterranea che, come sappiamo, fu scoperta proprio qui, nella nostra regione, a Nicotera. Da qui si è diffusa in tutto il mondo, tant’è che è stata riconosciuta come patrimonio immateriale dell’Umanità dall’Unesco. Per questo faremo a Milano un dibattito sul tema, in collaborazione con l’Unical, con la scienziata Vandana Shiva. Siamo convinti che, in futuro, un ruolo importante per la crescita del mondo lo reciterà il cibo. In questa direzione, la Calabria vuole fattivamente contribuire a far crescere bene le generazioni future. Perciò, noi puntiamo molto, sulla dieta mediterranea”. Per l’Unical ha preso la parola Sebastiano Andò che ha sottolineato l’importanza di aver inserito all’Expo la dieta mediterranea nel contesto del dibattito mondiale. Il consulente del Presidente della Giunta, Giovanni Soda, ha illustrato il progetto generale della Regione per l’appuntamento di Milano. Il Dirigente De Marco ha riferito dell’iniziativa messa in atto dalla Regione che vede un gruppo di giovani calabresi inviati all’Expo, per cui, sette giovani laureati calabresi saranno impegnati all’Expo, nelle filiere dell’agroalimentare per portare, di ritorno, le esperienze che matureranno in quell’ambito, al sistema di imprese in Calabria. Sette giorni (fino al due luglio) in cui, attraverso il claim “Calabria handmade, la Calabria fatta a mano: dal saper al fare”, la Regione rappresenterà una parte della complessità e della molteplicità che il territorio e la comunità calabrese sono in grado di offrire al mondo. Il tema è il rapporto tra produzioni artigiane e produzione alimentare, secondo un programma che è coordinato dall’Assessorato regionale allo Sviluppo Economico. Lo spazio che la Regione avrà a disposizione nel Padiglione Italia non è stato concepito solo in maniera statica: è invece un luogo d’incontro, sia mediante l’utilizzo delle tecnologie della comunicazione, sia attraverso esposizioni, eventi culturali, workshop, laboratori, performance dal vivo. Un calendario denso di appuntamenti, dall’artigianato artistico e tradizionale (tessitura, Intreccio di fibre vegetali, ceramica, arte orafa, liuteria, ecc.) al cibo, un viaggio alla scoperta di una terra ricca di paesaggi e produzioni che scaturiscono dal lavoro e dall’ingegno dei calabresi. Diversità e distintività che hanno come mattone fondante proprio l’origine della materia prima, in un mix inscindibile fra territorio, culture locali e produzioni artigianali e alimentari. La settimana si svilupperà per giornate, che saranno, ognuna, caratterizzate da esposizioni e performance dei maestri artigiani e connotate da un alimento di alto valore simbolico: in questa ottica, i manufatti dell’artigianato, il pane, l’olio, il vino, saranno presentati non solo per il loro valore in sé ma come esito del lavoro, dell’ingegno e dell’abilità manuale dei calabresi, storici marcatori identitari della cultura calabrese e mediterranea. Proprio ai temi culturali, sociali e salutistici della Dieta Mediterranea sarà interamente dedicata la giornata del 28 giugno, con un evento internazionale di grande significato: il Presidente Mario Oliverio e l’Assessore Carlo Guccione incontreranno Vandana Shiva, ecologista e attivista, scienziata e filosofa, insignita del prestigioso “Right Livelihood Award”, una delle più autorevoli voci mondiali in difesa della natura e della sua biodiversità. Un appuntamento, realizzato in collaborazione con l’Università della Calabria, che si svilupperà in più spazi, tra Padiglione Italia e Padiglione dell’Associazione Mondiale degli Agronomi dove, attorno al cosiddetto “Tavolo della Democrazia”, si svolgeranno i momenti più significativi, tra i quali la “lectio magistralis” di Vandana Shiva, la conferenza internazionale ed il forum. Con questo evento, la Calabria vuole porsi, proprio per le sue specificità e la sua storia, come protagonista nella costruzione di un futuro sostenibile, consapevole che anche una piccola regione può partecipare alle grandi scelte sostenendo, in tal senso, comportamenti e azioni consapevoli. Il programma della settimana, che è comunque il primo segmento delle attività che si svolgeranno negli altri appuntamenti che la Regione ha previsto per agosto e settembre, presenta, dunque, il patrimonio di conoscenze e di prodotti concreti che testimoniano le antiche radici e l’operosità di una terra fertile e ricca di saperi, talenti, tradizioni, culture locali. Per l’organizzazione della settimana, oltre che sulla consolidata partnership di Unioncamere e le partnership specifiche con l’Unical e la Wordl Agronomist Association, la Regione ha attivato una collaborazione con il Consiglio dell’Ordine Nazionale dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali.