Direttore: Aldo Varano    

Marrelli Hospital, Salerno: "siamo al dramma, Oliverio chieda la rimozione di Scura e Urbani"

Marrelli Hospital, Salerno: "siamo al dramma, Oliverio chieda la rimozione di Scura e Urbani"
 Rep

   

Dinnanzi ad una situazione quale quella relativa al Marrelli Hospital che va assumendo i contorni del dramma, è indispensabile che chi ha la facoltà di decidere si scuota immediatamente perseguendo l’interesse collettivo e consentendo che quello alla tutela della salute sia un diritto e non un privilegio. Il presidente Mario Oliverio e i commissari Massimo Scura e Andrea Urbani scendano dal piedistallo e aprano occhi ed orecchie per rendersi conto della disperazione che questo stato di fermo sta generando. Si rendano conto dell’incalcolabile danno causato ai pazienti, che vogliono curarsi nella loro terra, ed alle loro famiglie, che non possono sopportare inauditi disagi solo perché qualcuno non comprende cosa significa assistere fuori dai confini regionali un parente malato e psicologicamente provato. Del danno provocato ai dipendenti, che in una terra stupenda ma avara di opportunità lavorative, si vedono legate le mani dall’attesa. Del danno provocato ad un’azienda seria che era riuscita a fornire una risposta concreta al diritto alla sanità. Capiscano che l’impossibilità, nel pubblico, di procedere con nuove assunzioni e investimenti, cristallizzata nel Piano di rientro, ha soffocato la fiducia dei calabresi facendo toccare con mano le sofferenze derivanti dal non disporre di strutture adeguatamente attrezzate. Prendano atto dell’esigenza di consentire alla Sanità privata di svolgere il suo compito in una regione in cui la presenza del pubblico è sempre più rarefatta. La dura protesta messa in campo da diverse centinaia di crotonesi, che chiedono l’autorizzazione all’esercizio dell’attività, è significativa del malessere di una popolazione che non può attendere il dipanamento delle matasse delle correnti interne ai partiti. La tensione cresce ora dopo ora: serve intervenire subito, prima che il disagio sociale esploda. Il presidente Mario Oliverio, tenendo conto anche della volontà unanime del consiglio comunale di Crotone, abbia uno scatto d’orgoglio e difenda la Calabria dal tentativo di colonizzazione proveniente da Roma. Chieda la rimozione di Scura e Urbani. Abbia la forza e la capacità di dire basta alle logiche perverse che perpetuano lo stato di ritardo della nostra regione. Difenda i calabresi ed i loro interessi, e non quelli di chi vive nei salotti buoni e sposta le persone e le risorse come pedine ascoltando unicamente le proprie necessità.

 

                                                                                                          Nazzareno Salerno

 

                                                                                              Consigliere regionale della Calabria