Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Asp, Nesci (M5s): "la nomina del commissario Gioffrè è illegittima"

REGGIO. Asp, Nesci (M5s): "la nomina del commissario Gioffrè è illegittima"
ReP
"E adesso c'è anche il parere sull'illegittimità della nomina di Santo Gioffrè a commissario dell'Asp di Reggio Calabria". Lo annuncia la deputata M5s Dalila Nesci, che ha scritto una nota al governo, al presidente della Regione Calabria e al commissario ad acta, allegando questo nuovo parere e ricordando il loro lungo silenzio sul tema delle nomine illegittime nella sanità regionale. La parlamentare spiega: "Per i vertici dell'amministrazione sanitaria, le giunte Scopelliti e Oliverio hanno agito nello stesso modo, forzando la mano e violando platealmente le norme di legge. Ho posto nel marzo scorso il problema delle ultime nomine illegittime, ma nessuno ha voluto saperne, da Roma a Catanzaro. Non scopriamo la questione morale con la vicenda dei rimborsi di De Gaetano o Fedele, né servono i rimpasti del governatore a certificare un cambio di rotta". "Il pesce puzza dalla testa – incalza la deputata M5s –, nel senso che non potrà esserci nessun beneficio per la sanità calabrese, se i vertici sono nominati sempre fuori legge". Richiesto dalla stessa deputata M5s, il nuovo parere, che smonta la distinzione tra direttore generale e commissario di azienda sanitaria su cui si è basata la difesa della nomina di Gioffrè, è stato redatto dall'avvocato Domenico Monteleone, del foro di Roma, con ampio approfondimento sulla normativa anticorruzione e sulla più alta giurisprudenza amministrativa. "In sostanza – spiega l'avvocato Monteleone – l'incarico al dottor Gioffrè è inconferibile perché la normativa anticorruzione mira a impedire che ai vertici di un'azienda sanitaria ci sia qualcuno che, già candidato sindaco nella stessa zona, possa favorire gruppi di potere nella sua gestione aziendale. Il punto è chiarissimo e pertanto abbiamo anche interessato l'Autorità nazionale anticorruzione". Nesci conclude: "Oliverio non interverrà mai, perché tornare indietro significherebbe ammettere il suo errore madornale. Questa vicenda e le altre analoghe resteranno nel curriculum di Oliverio e di Renzi, alleati per affossare la sanità calabrese, cui serve anzitutto legalità".