Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Prossimi appuntamenti al Chiostro promossi dal CIS della Calabria

REGGIO. Prossimi appuntamenti al Chiostro promossi dal CIS della Calabria
Lunedì 27 luglio 2015, alle ore 21.00, nel Chiostro della chiesa di S. Giorgio al Corso – Reggio Calabria, la Parrocchia S. Giorgio e il Centro Internazionale Scrittori della Calabria presentano il libro “Amore di Madre” del Canonico mons. Antonio Morabito – Laruffa Editore. Dopo i saluti di don Antonio Santoro, Sacerdote della chiesa di S. Giorgio e Loreley Rosita Borruto, presidente del Cis, relazioneranno S. E. Mons. Francesco Oliva, Vescovo di Locri – Gerace e l’Avvocato Michele Salazar, componente del Consiglio Nazionale Forense. Sarà presente l’Autore. Nella prefazione al libro S. E. Mons. Francesco Oliva, Vescovo di Locri – Gerace scrive che “Il ricordo della madre aiuta a cogliere il percorso di vita che caratterizza lo sviluppo e la crescita di ognuno, e in particolare del sacerdote scrittore che si è forgiato nel tempo, attraverso vissuti ed esperienze esemplari che ne hanno orientato la vita ed il ministero. Mons. Antonio Morabito, Canonico del Capitolo metropolitano della Cattedrale di Reggio Calabria,ordinato sacerdote dal Papa San Giovanni Paolo II, il 24 giugno 1979, laureato in Giurisprudenza, ha frequentato gli studi teologici conseguendo il dottorato in Diritto canonico. Giudice, presso il tribunale Ecclesiastico Regionale Calabro e giornalista, ha fondato il periodico Vita di Comunità. Mercoledì 29 si svolgerà una conversazione su “L’Arazzo Fiammingo del Museo Diocesano di Gerace”. Con l’ausilio di video proiezione relazionerà il Prof. Giacomo Oliva, Direttore del Museo Diocesano e del Tesoro della Cattedrale di Gerace, responsabile dei Musei Diocesani della Calabria, docente di Didattica Museale e Storia dell’Archeologia. L’arazzo di Gerace di Jan Leyniers (1630 – 1686), autentico capolavoro fiammingo che ora trova la sua definitiva collocazione nel Museo Diocesano di Gerace (Reggio Calabria) costituisce, per rarità e pregio, una delle massime glorie del patrimonio storico - artistico della regione. l’Arazzo di Gerace che misura un’altezza di 380 centimetri per 584 di larghezza rappresenta una ricca scena venatoria, incorniciata da un abbondante festone in cui sono presenti elementi floreali e animali. Venerdì 31 luglio concluderà gli incontri del mese una conferenza sull’”Origine dell’Universo e della Vita nel rapporto tra Scienza e Fede”. Relazionerà il prof. Agatino Rifatto, Astronomo presso l’Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF), Laboratorio Astronomico di Capodimonte (Napoli). L’interrogativo di come abbia avuto origine l’universo e la Vita ha coinvolto molto la cultura umana e prima che la scienza elaborasse le teorie che oggi conosciamo, furono la filosofia e la religione le prime ad aver affrontato e tentato di fornire risposte a tale interrogativo. Riflettere sull’origine fondamentale dell’Universo e della vita è naturale che sorgono questioni relative al rapporto fra la lettura che le scienze fanno del mondo e quella offerta dalla rivelazione cristiana. Benedetto XVI concorda con Pio XII e Papa Giovanni Paolo II che hanno osservato che non vi è opposizione fra la comprensione di fede nella creazione e la ricerca empirica delle scienze.