Direttore: Aldo Varano    

LEGAMBIENTE. Monitoraggio coste presenta deficit depurativo

LEGAMBIENTE. Monitoraggio coste presenta deficit depurativo
Diciassette campionamenti, sui venticinque eseguiti lungo le coste della Calabria presentano una carica batterica elevata, superiore alle soglie stabilite dalla legge. E' quanto emerge dal monitoraggio effettuato da Legambiente nell'ambito della campagna Goletta Verde 2015 i cui risultati sono stati presentati oggi. "Per 15 di questi punti, principalmente alle foci di fiumi, torrenti e scarichi - e' detto in un comunicato - il giudizio e' di 'fortemente inquinato'. Una situazione che evidenzia un deficit depurativo che non risparmia nessuna provincia calabrese, sicuramente gia' noto e denunciato da tempo e che rischia di compromettere la stessa economia turistica. I fondi ci sono, ma mancano i progetti per ammodernare impianti e completare le reti fognarie. Legambiente chiede quindi al presidente Oliviero che agli impegni assunti a parole seguano i fatti e si arrivi finalmente a voltare pagina".
 
"I deficit depurativi - e' stato spiegato nel corso della conferenza stampa - sono confermati anche dai risultati del dossier 'La depurazione in Calabria: un contributo per affrontare il problema dello smaltimento dei fanghi'. Dal documento emerge - riporta ancora la nota - come la Calabria abbia una potenzialita' di depurazione pari all'81% degli abitanti equivalenti totali, ma analizzando la reale capacita' di trattare adeguatamente gli scarichi, il dato si abbassa notevolmente. Infatti, secondo l'Istat (dati al 2012) ad essere trattati in maniera adeguata e' il 51,5% del totale del carico generato. Criticita' evidenziate anche nell'ultima procedura d'infrazione aperta dall'Ue nei confronti dell'Italia che comprende anche 130 agglomerati calabresi".(