Direttore: Aldo Varano    

LEGAMBIENTE. Continua la campagna "Ricicla Estate": tappe a Tropea e Pizzo

LEGAMBIENTE. Continua la campagna "Ricicla Estate": tappe a Tropea e Pizzo

Si è tenuta anche a Pizzo e Tropea, la campagna Ricicla Estate promossa da Legambiente Calabria in collaborazione con il Conai, Consorzio Nazionale Imballaggi e con il contributo del Cial, consorzio imballaggi alluminio.

Ci avviciniamo al termine della prima parte della campagna. Per il mese di luglio, mancano le tappe del 29 a Belvedere Marittimo, del 30 a Bonifati e del 31 luglio ad Amantea. In queste ore, invece, si sta svolgendo la tappa a Curinga. Con il primo d’agosto si ripartirà con la seconda parte dell’iniziativa, da Sellia Marina. Il 2 agosto a Montepaone; il 5 a Soverato, il 7 a Villapiana, l’8 a Roseto Capo Spulico, l’11 agosto a Roccella Jonica, il 12 a Riace, il 13 a Palizzi, il 21 a Pizzo; il 22 a Tropea, il 26 a Curinga; il 18 a Belvedere Marittimo; il 19 a Bonifati; il 24 ad Amantea ed il 25 agosto a Gizzeria.

Ospiti del lido Chiringuito a Pizzo e del lido Rocca Nettuno a Tropea, i volontari di Legambiente hanno coinvolto numerosi bagnanti in giochi da spiaggia, per insegnare loro a svolgere correttamente la raccolta differenziata dei rifiuti che poi dovranno essere avviati al riciclo. La campagna, infatti, consiste nel posizionare, presso gli stabilimenti balneari aderenti, gli appositi bidoncini per depositare i rifiuti di imballaggio in modo differenziato, ed interagire con gli utenti dei lidi, grandi e piccini, per promuovere la raccolta differenziata e la cultura del riciclo. Tra lo staff di Ricicla Estate per Legambiente, erano presenti Caterina Cristofaro e Gianbattista De Filippo coordinati da Nicoletta Palladino, responsabile regionale delle attività. Presente anche il Circolo di Vibo Valentia con Cinzia e Valentina Giofrè ed il Circolo di Girifalco con Luigi Sabatini.

Tra gli obiettivi dell’iniziativa, la riduzione dei rifiuti, il recupero ed il riutilizzo dei materiali raccolti; il risparmio di materie prime, la tutela dell'ambiente, la maggiore sostenibilità urbana; l’aumento della qualità della raccolta differenziata; la maggiore autonomia dei comuni nella gestione quotidiana dei rifiuti e la riduzione della produzione di rifiuti urbani.