Direttore: Aldo Varano    

Città Metropolitana, Ripepi (FI): "i capoluoghi non saranno gi unici beneficiari delle risorse"

Città Metropolitana, Ripepi (FI): "i capoluoghi non saranno gi unici beneficiari delle risorse"
Gli incontri che si susseguono sul territorio, sul tema della Città Metropolitana, stanno mettendo in luce un preoccupante clima di diffidenza dei Comuni della Provincia verso la stessa costituenda Città Metropolitana. Massimo Ripepi, nella sua qualità di Consigliere ANCI, Delegato alle Città Metropolitane, offre la sua disponibilità a operare super partes, favorendo il dialogo e il confronto, per avviare una nuova fase costruttiva tra tutte le amministrazioni comunali della Città Metropolitana, che consenta di superare le divisioni e i rancori. Per questi motivi, grazie alla disponibilità della locale amministrazione comunale, Martedì 4 Agosto alle ore 18:00 si terrà, presso il Palazzo Baldari di Gioia Tauro, un incontro tra i sindaci dei 97 Comuni metropolitani, per avviare una riflessione comune, soprattutto alla luce della recente approvazione del Programma Operativo Nazionale Città Metropolitane 2014 – 2020 (PON METRO) da parte della Commissione Europea. Grazie ai rilievi mossi da più parti, infatti, nella versione approvata, i Comuni capoluogo non saranno gli unici beneficiari delle risorse, come previsto inizialmente, in quanto assumeranno semplicemente il ruolo di Organismo Intermedio. In altre parole, attraverso i Comuni capoluogo transiteranno le risorse destinate agli interventi, ma questi ultimi potranno riguardare anche gli altri Comuni delle Città Metropolitane. E’ doveroso, quindi, coinvolgere fin dalla fase d’avvio anche la componente tecnica di ogni Comune, accanto a quella politica, in quanto occorre recuperare il tempo perduto, procedendo speditamente a individuare le singole operazioni da realizzare nell’arco di tutto il periodo di attuazione del Programma. All’evento parteciperà anche il Comitato Metropolitano “Società, Economia, Conoscenza”, composto dai Sindacati (CGIL, CISL, UIL e UGL Reggio Calabria), dall’Osservatorio Città Metropolitana “Edoardo Mollica”, dalla Camera di Commercio di Reggio Calabria, dal LaborEst dell’Università Mediterranea e dal Forum del Terzo Settore.