Direttore: Aldo Varano    

BAGNARA (RC). Notti Disobliate: Oggi "Scrivere a Sud" con Bagnato e Sturniolo

BAGNARA (RC). Notti Disobliate: Oggi "Scrivere a Sud" con Bagnato e Sturniolo

 

Si svolgerà oggi, alle ore 21:30, all'incrocio del Corso Vittorio Emanuele II adiacente alla Cartolibreria Demaio di Bagnara Calabra, il terzo appuntamento delle Notti Disobliate 2015 – I concetti del Sud, intitolato “Scrivere a Sud”, riguardante la riflessione sul senso della scrittura, della lettura e della letteratura per una terra dalla storia millenaria e per un popolo sdoppiato tra coloro che operano in maniera egoistica e per interessi personali, accumulando beni e ricchezze, e tra coloro che invece operano in modo altruistico e per scopi collettivi, mediante la rete della cultura e della conoscenza.

A parlare di “Scrivere a Sud” saranno Giuseppe Bagnato, autore di “Moira” (Disoblio Edizioni) e Lilla Sturniolo Misiano, autrice di “L'alba e la notte inventerò” (Disoblio Edizioni). Al salotto d'autore, condotto dal giornalista Gianfranco Marino, interverrà Pino Strati (Presidente Ass. “Incontriamoci Sempre” di Reggio Calabria). Gli intermezzi musicali saranno a cura del cantante e musicista Carmelo Morabito.

MOIRA Un giovane innamorato degli alberi di ulivo e del mare sullo Stretto incontra una ragazza dagli occhi spenti in una casetta di montagna. Capisce di essere strettamente legato a lei, in maniera segreta, invisibile e incomprensibile. E questa consapevolezza si rafforza nel momento in cui la fanciulla scompare improvvisamente. Partendo assieme a Ciccio alla ricerca di Moira, il lettore si ritroverà immerso in un itinerario tra i paesaggi più incantevoli della Calabria, destinati a diventare una metafora dei pensieri e delle emozioni più nascoste alla propria coscienza. Raggelanti misteri e peripezie attendono Ciccio, ma anche insopportabili rivelazioni. E se la ricerca di Moira coincidesse con la scoperta della propria vera identità?

GIUSEPPE BAGNATO è nato a Varapodio (RC) nel 1971, dove attualmente vive e svolge la professione di contadino. Nel 2005 ha ricevuto la Targa Navi e Naviganti partecipando al “Premio Anoia Salvatore Gemelli”. Dopo Moira (2014), per Disoblio ha pubblicato il romanzo Ozz (2015).

L'ALBA E LA NOTTE INVENTERÒ è un cammino intellettuale, nell'anima e nel pensiero, attraverso quelle emozioni e quegli interrogativi giunti con l'ispirazione, generata da visioni ora concrete ora astratte che distolgono l'attenzione dalla frenesia della quotidianità indirizzandola verso una dimensione più spirituale del mistero dell'esserci individuale nell'esistenza cosmica. In questa dimensione altra vivono concetti, sensazioni, percezioni e passioni, che l'autrice, conducendo una contesa con i versi, tenta di tradurre in parole, imprimendovi l'orma degli stati d'animo provati nella folgorazione. Attraversando l'incertezza del mondo e del domani, il percorso dirige verso un evento cairologico, nuovo, unico e creatore di nuove stelle fisse, capaci, con la loro luce, di orientare i passi nel mistero della vita.

LILLA STURNIOLO è nata a Siracusa e vive a Palmi. Laureata in Lettere con lode all’Università degli Studi di Messina, in Storia della Letteratura Cristiana antica greca e latina, attualmente è docente di Letteratura Italiana e Storia presso il Liceo Artistico “M. Guerrisi” di Palmi e presso l’Istituto Teologico Diocesano “Giovanni XXIII” di Gioia Tauro, dove insegna Storia della Chiesa. Scrive e collabora da 27 anni con quotidiani e riviste internazionali come Vivere In e nazionali come Radici Cristiane, Calabria Letteraria, Calabria Sconosciuta, oltre a riviste locali come La Piana. Ha partecipato a svariati concorsi letterari, ricevendo numerosi riconoscimenti e premi; è stata relatrice al III Congresso Internazionale del Movimento di Diritto Pontificio di Fiuggi sul tema “Globalità e globalizzazione”. Ha pubblicato il volumetto di racconti Con gli occhi dell’anima (Vivere In, 2010) e cinque raccolte di poesia: Sospira con me il vento... (Casa Editrice Salentina, 2010), Nel buio non dorme la luce (Ancora, 2010), Pietra che genera fiori (L’alba, 2010), Dai gradini lenti del sole (Parva Melara 2011), Agresti percorsi di parole (Vivere In, 2013).