Direttore: Aldo Varano    

MESSINA. CapitaleMessina risponde al vicesindaco Signorino

MESSINA. CapitaleMessina risponde al vicesindaco Signorino
 

Di seguito la nota di CapitaleMessina firmata da Gianfranco Salmeri, vicepresidente e portavoce, e Paolo Bitto, coordinatore del tavolo tematico dedicato alla finanza.   

Messina - CapitaleMessina è una associazione di cittadini che, avendo a cuore le sorti del territorio, esercita in trasparenza il diritto/dovere di controllo civico sull'operato dell'amministrazione. A nessuno è consentito irridere a questo esercizio di democrazia. Nessuno di noi è ‘profeta di sventura’, né intende partecipare, silente, al “funerale” della nostra Città. Semplicemente registriamo fatti e situazioni oggettive e in ogni caso, anche quando esprimiamo critiche all'Amministrazione comunale, lo facciamo nel pieno rispetto delle persone e delle opinioni altrui, senza epiteti ingiuriosi o attacchi personali. Desideriamo precisare, inoltre, che con l'assessore Signorino non abbiamo potuto confrontarci dettagliatamente perché mai ci ha concesso l'incontro che più volte gli abbiamo sollecitato. Questo era quanto dovuto in risposta ai toni usati dell'assessore nel comunicato inviato alla stampa. Adesso entriamo nel merito delle questioni tecniche e politiche. CapitaleMessina reputa che i messinesi siano stanchi delle “promesse” e delle ripetute “rassicurazioni” del prof. Signorino. Ancora oggi apprendiamo, che l’ordinanza n.161 del 30 luglio 2015, relativa al passaggio di competenze e personale dall’ATO all’AMAM sarà revocata. Anche su questo delicato passaggio, dopo le perplessità rappresentate dalla consigliera Antonella Russo e dai Revisori dei Conti, il Vice-Sindaco assicurò che l’operazione messa in atto era sostenibile e di non avere dubbi sulla bontà del percorso intrapreso non temendo ostacoli di tipo giuridico né tanto meno di tipo economico, ma i fatti gli hanno dato palesemente torto.

 

Per il resto la valutazione tecnica e costruttiva di Messina Capitale si basa su un convincimento : il Piano di riequilibrio, così come proposto, dopo tre anni di gestazione (caso unico in Italia), non è sostenibile! Poco contano le “carte di riserva” cui si fa cenno nella “piccata” nota dell’Assessore. La verità è che, nonostante il lungo tempo trascorso e gli “aggiustamenti” in corso d’opera, il Piano di riequilibrio continua a restare nel limbo, con gravi conseguenze per la Città.

 

L’Amministrazione Accorinti, devono sapere i messinesi, ha già perso almeno tre importanti occasioni per “spalmare” i debiti in 30 anni. Mentre tutti i Comuni italiani hanno beneficiato delle più favorevoli previsioni per onorare i debiti delle pubbliche amministrazioni, contraendo mutui trentennali con la Cassa depositi e prestiti (vedi D.L. 35/2013 e D.L. 66/2014), i nostri Amministratori si sono cimentati a presentare un piano palesemente insostenibile che prevede il reperimento di ingenti risorse da: presunti tagli della spesa, ipotizzati profitti AMAM mai registrati per tale entità negli anni ed oggi, riteniamo, per effetto della L.R. 19 del 10 agosto non più attuali, minori trasferimenti ATM per 31.496.700. In ogni caso abbiamo una piccola certezza che sull’obiettivo del “gettito invariato” ripromesso dal governo nazionale nel considerare la riforma del Catasto, al netto dei buoni intendimenti di equità rappresentati dal Vice Sindaco, si dovrà rivedere completamente la misura 1) del Piano. Anche la vicenda del GAS è tutta da scrivere: la seguiremo con attenzione nei tempi della gara d’appalto, su cui sicuramente il Vice Sindaco e gli uffici stanno già lavorando. Con i tempi che corrono (vedi caso Tremestieri) per l’aggiudicazione occorrerà attendere qualche.. anno, con la conseguenza che i ricavi che si ipotizza di incassare nell’arco di 10 anni non potranno rappresentare la “carta di riserva”.