Direttore: Aldo Varano    

Mons. Bertolone nuovo presidente Cec, gli auguri di Falcomatà

Mons. Bertolone nuovo presidente Cec, gli auguri di Falcomatà
"Accolgo con grande piacere la designazione di Monsignor Vincenzo Bertolone alla presidenza della Conferenza Episcopale Calabra. Si tratta di una nomina che suggella un cammino di fede e impegno solidale che in questi anni ha visto protagonista il presule sul territorio calabrese come vescovo di Cassano allo Ionio prima e, successivamente, come arcivescovo di Catanzaro-Squillace".
È quanto afferma il sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà, in relazione alla elezione di Monsignor Vincenzo Bertolone alla guida della CEC.
"Una testimonianza autentica e densa di significati - aggiunge Falcomatà - che ha offerto un contributo tangibile alla complessa opera di edificazione di un idem sentire in seno alla comunità calabrese, che Monsignor Bertolone ha sempre ispirato ai valori profondi della fede cristiana e ai principi della solidarietà nei confronti dei più deboli. Una missione, la sua, che da sempre pone al centro il coinvolgimento e la partecipazione della società civile lungo un sentiero coraggioso di riscatto dall'oppressiva presenza della criminalità organizzata e dalle minacce del malaffare. Sono convinto - prosegue il sindaco di Reggio Calabria - che questo prezioso patrimonio di esperienze, unito alla grande statura spirituale, morale e culturale, costituiranno gli elementi fondanti del nuovo e importante ministero che Monsignor Bertolone si accinge ad iniziare. Ministero che seguirà le orme tracciate dal predecessore, Monsignor Salvatore Nunnari, a cui rivolgo un sentito ringraziamento per la virtuosa opera svolta. Non posso dunque che ribadire - conclude Falcomatà - a nome mio e dell'intera amministrazione comunale di Reggio Calabria, i sentimenti di piena soddisfazione e viva gioia per l'avvio di questo nuovo capitolo nella storia della Conferenza Episcopale Calabrese che, ne sono certo, lascerà un segno profondo e indelebile nel più ampio percorso di crescita, sociale, culturale e spirituale, della nostra regione".