Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. M5s: "somme illegittime nel piano finanziario Tari"

REGGIO. M5s: "somme illegittime nel piano finanziario Tari"
Rep
"Come prevedibile la maggioranza ha approvato il bilancio con i soli voti di cui dispone e in un comodo clima di totale bagarre che ha impedito la discussione, ma in quel documento sono contenute somme in entrata a dir poco illegittime. E' quanto denuncia il Meetup Reggio 5 Stelle sottolineando che tra le voci in entrata il bilancio di previsione non può non tenere conto del piano finanziario approvato in materia di TARI, che conferma il piano 2014 Commissariale. Oltre 5 milioni di euro letteralmente scippati ai cittadini ignari di quanto sta accadendo, che nello specifico si riferiscono alla voce "Quota anno parte 2013 e anni 2008 e retro". Tale credito si riferisce infatti alle passività pregresse dovute alla vergognosa gestione della raccolta rifiuti effettuata nel corso di questi ultimi anni da parte delle Amministrazioni Comunali che si sono susseguite. Ebbene, tale somma viene riproposta nel piano finanziario recentemente approvato con delibera di Giunta n. 117 del 27 Luglio 2015, costringendo tutti, morosi e adempienti, a ripianare un debito relativo all'anno 2013 e anni 2008 e retro, ciò in violazione del principio legislativo e regolamentare secondo cui la tassa sui rifiuti deve coprire esclusivamente i costi del relativo servizio. Inoltre il piano finanziario deve contenere solo i costi relativi al servizio annuale con la commisurazione della tariffa in relazione all'anno solare. Viceversa, nel piano finanziario attuale, con le succitate somme a debito, illecitamente inserite, non si fa altro che moltiplicare le somme in attivo, queste inesistenti e non dovute. Per i Pentastellati, si è proceduto all'approvazione del bilancio "che così enucleato ha le caratteristiche della falsità". "A dirlo – concludono dal Meetup Reggio 5 Stelle – sarà la Corte dei Conti, a cui i Pentastellati intendono rivolgersi, a vagliare la congruenza e la verità dell'operato della Giunta che in meno di un anno di vita nulla ha fatto per distinguersi, nei modi e nei metodi discussione, da quelle che l'hanno preceduta".