Direttore: Aldo Varano    

WANDA FERRO (FI): "Renzi sta per commissariare la Regione Calabria ed Oliverio tenta di anticipare le nomine"

WANDA FERRO (FI): "Renzi sta per commissariare la Regione Calabria ed Oliverio tenta di anticipare le nomine"
 

(rep)

 

Secondo quanto riportato  da alcuni siti d’informazione, il presidente Oliverio sarebbe intenzionato a procedere con le nomine dei nuovi direttori generali  delle Aziende sanitarie prima che il responsabile della prevenzione della corruzione della Regione Calabria gli notifichi formalmente il provvedimento di interdizione dell'Autorità Nazionale Anticorruzione.

 

La sanzione interdittiva  inflitta al governatore decorre infatti dalla contestazione formale del responsabile dell’anticorruzione,  e mi rifiuto di pensare che il ritardo nella formalizzazione della contestazione sia finalizzato a consentire al presidente di fare le nomine in pendenza della notifica. Comprendo la problematicità di un dirigente regionale che deve contestare al proprio presidente la inibizione per tre mesi con un  provvedimento che  probabilmente sarà  impugnato davanti al TAR proprio dallo stesso presidente, e credo che Oliverio abbia il dovere etico e politico  di non procedere alle nomine nelle more della notifica e di non ricorrere al TAR  contro l’emanando provvedimento di un suo dirigente che, nella qualità di responsabile dell’anticorruzione, deve fare il proprio dovere in esecuzione di una delibera dell’Autorità Nazionale Anticorruzione.

Evidentemente, il presidente Oliverio sta prendendo tempo per tentare di evitare di essere commissariato  (o meglio sfiduciato) da Renzi.

Dunque la Regione si trova esposta al rischio di essere commissariata dal governo Renzi che per i prossimi tre mesi potrà di fatto effettuare tutte le nomine di competenza del governatore e che, alla scadenza dell’interdizione, non potranno essere revocate se non per giusta causa. E il presidente della Regione si troverebbe a governare con i “nominati” prescelti dal governo Renzi. In tale direzione la visita di Renzi a Cosenza, lungi dal  rappresentare  un importante segnale di attenzione del Governo nazionale verso la Calabria, sembra invece prefigurare una missione esplorativa in vista del probabile commissariamento della Calabria. Un atto di definitiva sfiducia da parte dello stesso Pd e del governo nazionale, che appare in effetti come un atto dovuto dopo ormai 10 mesi di non-governo della Calabria, in cui Oliverio ha collezionato soltanto false partenze e innumerevoli battute d'arresto: dal caso Lanzetta-De Gaetano ai mesi di giunta incompleta, agli scontri con il commissario Scura sulla sanità e con il governo nazionale su questioni cruciali come  l'isolamento della Calabria dopo il crollo del viadotto Italia, per arrivare a Rimborsopoli e alla nomina di una pseudo-giunta tecnica con strutture ultra-politiche, fino alla vicenda delle nomine effettuate contro le regole. Ce n’è abbastanza per fare comprendere ai calabresi, che pagano il pesante prezzo di tanto immobilismo, l'errore commesso nell'eleggerlo governatore.