Direttore: Aldo Varano    

CHIZZONITI sull'Aeroporto dello Stretto: "prova di autonomia da parte di due giovani professionisti"

CHIZZONITI sull'Aeroporto dello Stretto: "prova di autonomia da parte di due giovani professionisti"
ReP
"Pur avendo programmato per la prossima settimana una conferenza stampa sullo status tragicomico in cui versa ormai da tempo la Sogas, avverto il dovere civico di rispettare uno dei principi cardini di romana memoria secondo cui “suum cuique tribuere” (riconoscere i meriti degli altri), anticipando un argomento di straordinaria importanza maturato nel contesto dei lavori dell’odierno C.d.A. della società di gestione. Ciò premesso non esito ad esaltare il ruolo di due giovani professionisti entrambi componenti il C.d.A. societario che, dopo aver chiesto ufficialmente la rettifica del bilancio alterato approvato nell’agosto scorso, oggi hanno offerto un’altra prova di rara autonomia cerebrale accostata a specifica competenza tecnica, verbalizzando una esplosiva dichiarazione congiunta che fotografa, checché ne dica la Porcino Corporation, la reale quanto irreversibile situazione gestionale che non presenta sbocchi almeno fino a quando il management in carica non avvertirà la sensibilità di sparire dalla circolazione. Quindi, onore al merito di due giovani che si stanno facendo rispettare ma anche ai politici Falcomatà ed Oliverio che hanno visto giusto designandoli quali componenti del Comune di Reggio Calabria e della Regione Calabria all’interno del C.d.A. della Sogas. La caustica ed eloquente dichiarazione dei Consiglieri Berti e Basile, ritualmente verbalizzata, in buona sostanza prende atto della nota afferente il recente, inutile incontro con l’ENAC, che ribadisce le già denunciate anomalie gestionali insormontabili che accostate alla situazione insostenibile che si è venuta a creare con il personale dipendente e con le organizzazioni sindacali, non permette più ai due Consiglieri di rappresentare l'azienda nel supremo interesse della collettività calabro-sicula. Gli stessi, pur richiamando l’attività esercitata dal Presidente Porcino in un momento complesso per la vita dell'azienda e degli azionisti, senza mezzi termini, affermano che, al fine di salvaguardare la normale conduzione aziendale, di permettere la sottoscrizione degli ammortizzatori sociali con le organizzazioni sindacali e quindi di programmare la sostenibilità economico finanziaria della società, il Presidente in carica dovrebbe valutare la sua posizione all'interno della società, invitandolo a voler convocare – senza indugio – l'assemblea degli azionisti per riferire le conseguenti determinazioni in relazione alla esplicita richiesta di dimissioni. Il Consiglio si è quindi occupato del primo punto all'ordine del giorno (Situazione Sogas Service SRLU / AVIAPARTNER SpA. Contratto cessione handling) in ordine al quale i due giovani amministratori hanno lodevolmente chiesto, al fine di poter votare con contezza, l’esternalizzazione di un servizio strategico che vincola la società per 5 anni un responsabile approfondimento di natura economica relativo a: 1) costi e ricavi attuali per il servizio di handling; 2) costi e ricavi attuali per il servizio di handling con l’ottimizzazione dei turni utilizzando gli ammortizzatori sociali e quindi pagando l’azienda esclusivamente il lavoro necessario per lo svolgimento del servizio; 3) differimento dei due punti sopra dopo la partenza delle tratte onerate dal 10 dicembre per due anni due volte la settimana per Pisa e Bologna; 4) proiezione degli introiti di cui sopra con la cessione ad aviapartner. Sorprendentemente, a fronte delle richieste articolate, ai due esterrefatti Consiglieri veniva opposto che “non c’è il tempo perché il servizio deve partire subito”. A questo punto, il Dott. Berti ha “apertis verbis” avvertito che non avrebbe partecipato alla votazione abbandonando la seduta poiché la presenza anche con voto contrario, per espressa previsione statutaria, avrebbe, in caso di parità, favorito il doppio voto del Presidente Porcino. Successivamente, si è svolta la votazione con voto negativo di Basile, favorevole di Calarco e con la sorprendente ancorché immotivata astensione di Porcino. La trattazione del secondo punto all’ordine del giorno sulla Pianta Organica SOGAS SPA e confronto con le Organizzazioni Sindacali è sfociata nella convocazione di un tavolo istituzionale con la presenza dei soci e dei sindacati per stabilire il da farsi per l’8/10. “Così è se vi pare”, diceva uno dei tanti siciliani illustri, per cui, visto l’approssimarsi del “redde rationem”, non mi resta che confermare l’appuntamento mediatico a brevissima scadenza nel cui contesto saranno duramente stigmatizzate le responsabilità di Porcino e dintorni in ordine alla diffusione di notizie false e tendenziose “dodici giorni tempo, poi chiusura irreversibile”, sicuramente atte a turbare l’ordine pubblico (art. 656 c.p.). Anche perché lo esclude l’ENAC e lo riprova il fallimento dichiarato in data 15/04/2015 della società che gestiva l’aeroporto di Crotone che non solo non ha chiuso ma paradossalmente si è addirittura rilanciato alla grande."

Aurelio Chizzoniti