Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Polveriera, incontro tra Comune, Opera Nomadi e famiglie

REGGIO. Polveriera, incontro tra Comune, Opera Nomadi e famiglie

ReP

"Le famiglie dell’ex Polveriera di Ciccarello sono una delle priorità nella politica abitativa dell’amministrazione Falcomatà. È quanto sostenuto martedì scorso dal consigliere delegato per l'edilizia residenziale pubblica, Giovanni Minniti, in occasione dell’incontro a Palazzo San Giorgio con il presidente del Consiglio comunale Demetrio Delfino e l’associazione Opera Nomadi Reggio Calabria, guidata da Giacomo Marino. I rappresentanti di alcune delle 23 famiglie che da decenni vivono tra le baracche dell’ex Polveriera hanno ricordato il loro dramma quotidiano, tra rifiuti e pericolo di crollo dell’ex edificio militare.

Il reperimento degli alloggi di edilizia residenziale pubblica sembra essere il primo ostacolo da abbattere per risolvere il problema abitativo delle famiglie, in buona parte vincitrici di bando per l’assegnazione degli alloggi popolari. Un diritto negato che troverebbe la sua giustificazione nella pessima gestione dell’edilizia residenziale pubblica delle precedenti amministrazioni comunali.

«Abbiamo ereditato una situazione complicata, un patrimonio di edilizia residenziale che non è in ottime condizioni – ha affermato Minniti – se non c’è chiarezza e non si recuperano gli alloggi il problema non può essere risolto».

Sulla stessa linea anche Delfino. «Questa amministrazione sull’edilizia residenziale pubblica ha fissato dei paletti stringenti che finora sono stati violati – ha spiegato il Presidente del consiglio comunale – il problema è reperire gli alloggi e non fare torti a nessuno scavalcando le graduatorie, da ora in avanti si starà alle regole».

Recuperare gli alloggi del patrimonio pubblico significa innanzitutto verificare i requisiti per il mantenimento dell’assegnazione di un alloggio popolare, come la legge regionale 32/96 prevede. Una battaglia che l’Opera nomadi Reggio Calabria porta avanti da tempo per abbattere l’ingiustizia di alloggi lasciati vacanti, illegalmente venduti o dati in fitto.

«Stiamo lavorando per la costituzione di una task force – ha confermato Minniti - Con l'aiuto della Prefettura c’è l’intenzione di costituire un gruppo di lavoro tra vigili urbani e le altre forze dell'ordine, affinché siano garantiti i controlli previsti».

L’Opera nomadi Reggio Calabria stringe sui tempi e sull’opportunità di riassegnare da subito gli alloggi recuperati dopo i sequestri per consegnarli alle famiglie che ne hanno una reale necessità.

«Il turn over degli alloggi popolari, la garanzia cioè che gli alloggi possano essere ridistribuiti in base al bisogno effettivo – ha ribadito Giacomo Marino – aprirebbe la strada all’assegnazione degli alloggi popolari non soltanto ai cittadini dell’ex Polveriera ma a tutti coloro che ad oggi non possono permettersi un tetto sulla testa».

Massima collaborazione è quanto garantisce l’Opera Nomadi Reggio Calabria, se alle parole corrisponderanno i fatti.