Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Mauro (PD): "vertenze Maggioli e Atam, l'Amministrazione dimostra di stare dalla parte dei lavoratori"

REGGIO. Mauro (PD): "vertenze Maggioli e Atam, l'Amministrazione dimostra di stare dalla parte dei lavoratori"

 

Rep 

«La vertenza Maggioli è un caso emblematico. L’Amministrazione dimostra di stare sempre e comunque dalla parte dei lavoratori, anche quando non è giuridicamente tenuta a farlo». È quanto dichiara in una nota il Consigliere delegato alla Città Metropolitana Riccardo Mauro, parlando del rinnovo trimestrale del contratto di servizio per i dipendenti del socio privato Maggioli della società partecipata comunale Reges. «Fin dal nostro insediamento - spiega Mauro - abbiamo tenuto al centro l’obiettivo della salvaguardia della forza lavoro occupata in tutte le società per le quali il Comune ha parte in causa. Lo abbiamo fatto con i dipendenti di Multiservizi, per i quali il Sindaco è arrivato a chiedere la modifica di una legge dello Stato per garantire la costituzione della società in house. Lo abbiamo fatto con quelli dell’Atam, della Recasi, della Reges e naturalmente lo stiamo facendo anche con il socio privato Maggioli. In una città in cui si registra uno dei tassi di disoccupazione più alti d’Europa questo è un dato molto significativo». «Nello specifico - prosegue il consigliere delegato alla Città Metropolitana - per i dodici dipendenti di Maggioli abbiamo deciso di far prorogare il contratto di servizio nonostante per il Comune non ci fosse alcun obbligo giuridico. Avremmo potuto fare spallucce, sarebbe stato molto più semplice, ma anche in questo caso abbiamo deciso di assumerci la responsabilità di una classe dirigente che vuole cambiare profondamente il modo di intendere la cosa pubblica in questa città. E non solo. Per mezzo del delegato alle società comunali Francesco Gangemi, l’Amministrazione ha inteso cristallizzare, in sede di assemblea, la volontà di tutelare i livelli occupazionali dando mandato al CdA di valutare tecnicamente l’acquisizione del ramo d’azienda “per la salvaguardia dei posti di lavoro”. Una scelta affatto scontata per la quale l’Amministrazione non aveva alcun obbligo specifico. Eppure, come è avvenuto nella vertenza Simply, il Sindaco Falcomatà ha dimostrato di essere il Sindaco di tutti e di voler salvaguardare sempre e comunque la forza lavoro, tenendo presenti le esigenze e le necessità di chi, contando su quel contratto, ha costruito una famiglia o ha acceso un mutuo». «Un comportamento di grande responsabilità - ha aggiunto Mauro - tenuto dal Sindaco e da tutta l’Amministrazione anche sulla vicenda Atam, che naviga a gonfie vele verso una felice conclusione, e sulla quale il Comune si è impegnato non solo al conferimento di risorse sulla ricapitalizzazione, ma è riuscito a trovare la quadra, di concerto con i vertici dell’Azienda, raggiungendo un accordo con le forze sociali che consentirà di non licenziare nessuno dei dipendenti e di definire un piano di risanamento credibile. Un risultato insperato fino a qualche mese fa, che l’Amministrazione è riuscita a raggiungere grazie all'impegno di tutti gli attori coinvolti e alla decisa volontà politica espressa dal Sindaco Falcomatà che si è battuto per il salvataggio della società del trasporto pubblico». «Risultati, fatti concreti - ha concluso Mauro - obiettivi raggiunti. Questa è l’Amministrazione Falcomatà. Zero chiacchiere, lavoro duro e spirito di servizio nei confronti dei cittadini. A quasi un anno dall’inizio della consiliatura, grazie all’impegno del consigliere delegato Gangemi e dell’Assessore al Bilancio Armando Neri, possiamo ritenerci soddisfatti del salvataggio di tutte le maestranze impiegate nelle società comunali. Complessivamente si tratta di più di 650 persone, senza contare il grande risultato raggiunto con l’annullamento della delibera sulla Peo che ha restituito un diritto negato a centinaia di dipendenti comunali. È questo il nostro modo di stare a fianco alle famiglie reggine, di sostenere l’economia cittadina e continuare a garantire servizi comunali efficienti, valorizzando al massimo il grande patrimonio di conoscenze tecniche e professionali che sono il valore primario di questa Amministrazione».