Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Marra (M.A.A.): "non accetto lezioni di “morale” dal Sindaco Falcomatà"

REGGIO. Marra (M.A.A.): "non accetto lezioni di “morale” dal Sindaco Falcomatà"

ReP

"A proposito di “spallate” e “lussazioni” , di contare bene o contare male anche perchè da ora in poi spallate c'è né saranno tante , l' importante è stato scendere in piazza e non stare dietro ad un pc per condividere e commentare link contro questa amministrazione comunale. Visto che in città non si parla che di numeri in merito alla “La Spallata “ di Piazza Italia, da ora in poi quando scenderemo in piazza ci porteremo i tagliandini numerati così saremo più precisi nei conteggi. Per noi essere stati 300 o 600 non cambia perché si è trattato di stare tra la gente ed ascoltarla come d'altronde abbiamo fatto negli ultimi anni.  In merito alle affermazioni del Sindaco di portare i bambini al Museo , lo lascerei decidere ai genitori visto che ancora siamo in uno Stato Democratico e per quanto riguarda l'intelligenza e il non capire non mi sta bene neanche , in quanto i bambini erano lì per dire a Falcomatà che in varie scuole comunali non ci sono né fogli di carta, né sapone per le mani e neanche carta igienica. Mi soffermerei invece su Reggio Calabria come città invivibile in quanto sono in molti i cittadini reggini e le rappresentanze politiche della Destra a sostenere l’impossibilità di poter continuare a vivere in uno stato di totale inerzia Amministrativa che è la causa principale del degrado ambientale e della drammatica crisi economica che impietosa colpisce quotidianamente le attività commerciali di tutti i settori. “Una vera iattura sembra aver colpito la città di Reggio Calabria anche perchè in tanti ci hanno dichiarato che“confidavano nella nuova Giunta sperando in un miglioramento considerevole” - altri hanno sostenuto – “invece ci ritroviamo in una condizione peggiore rispetto al passato”.  La città ha perso la propria identità e la propria originalità a causa degli errori commessi dagli amministratori pro tempore che si sono succeduti nei quattro lustri trascorsi. Agli occhi di chi ricorda la città storica come denominata da Gabriele d’Annunzio “Il più bel chilometro d’Italia”, oggi appare completamente deformata e la neo Amministrazione non sta facendo assolutamente nulla per migliorare le cose.  

Molteplici sono state le dichiarazioni d’insoddisfazione e biasimo nei confronti del neo sindaco Giuseppe Falcomatà, il quale ha preferito per l’occasione chiudere a doppia mandata il robusto portone del Municipio e non farsi vedere.  

Per concludere i bambini in ogni famiglia vengono cresciuti educandoli all'amore ognuno con le proprie culture e religioni , ma il dire “ cultura dell ' odio ” proprio quando un suo consigliere tempo fà aveva pubblicato su facebook la foto di una persona uccisa ,tumefatta in faccia ed appesa a testa in giù “ dai compagni rossi “ senza avere avuto un un regolare processo , significa predicare bene e razzolare male.

Il Presidente del M.A.A. Pietro Marra