Direttore: Aldo Varano    

IARIA (Pace Italia): "bilancio Comune, Reggio città naif"

IARIA (Pace Italia): "bilancio Comune, Reggio città naif"
ReP
 

"L’Occidente, quale luogo geografico, è un concetto astratto, una convenzione. Esso, infatti, varia continuamente con il mutare del punto di osservazione. La Città di Reggio, invece, è una Repubblica nella Repubblica. Miscelando assieme queste due entità si ottiene una strana alchimia (apprezzabile o meno dipende dai punti di vista) in forza della quale ogni cosa quaggiù viene reinterpretata in stile naif...

 

E’ risaputo, dunque, che nel Comune di Reggio i conti non tornano mai: vuoi perché trovare la quadra è difficile, vuoi anche per un eccesso di autostima da parte degli addetti ai lavori. Prendete, ad esempio, il parametro n.8, inteso quale indice di deficitarietà strutturale, e vi accorgerete di come esso si trasformi a seconda delle circostanze. Se il parametro è sforato, ma ciò è nocivo per la sinistra, basterà indicare nell’apposita casella l’esatto contrario! A questo punto la patacca è servita e tu te ne stai bello e tranquillo fino a quando qualche squinternato, tipo i monellacci dei movimenti di centrodestra, non lo sputtana ai quattro venti. In tal caso è pronto il piano B: reinterpretare la norma a proprio uso e consumo. Basta condire il tutto con l’immarcescibile retorica sulla legalità… Così, hainoi, va il mondo e quando meno te lo aspetti riaffiora dalle pieghe dei libri contabili la veste (taroccata) dei fantasmi del passato con l’aggiunta di note a margine da far sbellicare dalle risate. Questo, però, non è un selfie…Fa un certo effetto, poi, vedere taluni arrogarsi ampia libertà di “sgarro” (contabile) dopo averla posta in cima alla ghigliottina che ha decapitato gli avversari politici. Al peggio, evidentemente, non c’è mai fine…D’altro canto, ditemi voi cosa c’è di più disarmante di un Assessore alle Finanze il quale per giustificare l’ingiustificabile si spinge fino ad affermare l’inverosimile?

 

Caro Assessore, il parametro n.8 è sforato quando è sforato. Punto. E se per caso non è sforato nell’esercizio in corso, ma lo era nei tre esercizi precedenti, legge alla mano è da intendersi comunque sforato. Questo e nient’altro dice la norma! Mi corre l’obbligo di aggiungere, per completezza del discorso, che se l’Ente versa in condizione di deficitarietà strutturale, il Bilancio (che si annunciava “veritiero” come nessuno prima) deve tenerne conto altrimenti sono solo canzonette, ragion per cui continuare a fare il kamikaze raccontando di un’improbabile <<governance virtuosa>> è la più strampalata delle missioni autolesioniste.Gli è che in una città normale un politico serio, preso atto del clamoroso strafalcione, avrebbe chiesto scusa e fatto un passo indietro. Si tratta di una questione di stile che a queste latitudini – ragionavamo facilmente all’inizio- spesso e volentieri si baratta con la convenienza."