Direttore: Aldo Varano    

IRTO: "da domenica il Palmarium di Palazzo Campanella rimarrà aperto al pubblico"

IRTO: "da domenica il Palmarium di Palazzo Campanella rimarrà aperto al pubblico"
"Da domenica prossima e per tutti i fine settimana il Palmarium di palazzo Campanella rimarra' aperto al pubblico. Dal 2016 il Polo Culturale Mattia Preti sara' invece oggetto di una campagna informativa affinche' possa essere vissuto ancor di piu' dai cittadini. E' un importante patrimonio per i calabresi e non puo' restare sconosciuto". Cosi' il presidente del Consiglio regionale della Calabria Nicola Irto, nel corso di una conferenza stampa, svoltasi presso palazzo Campanella a Reggio Calabria, convocata per illustrare la nuova tappa della campagna #openpalazzo. "L'iniziativa - ha spiegato Irto - ha l'obiettivo di avvicinare i cittadini alle Istituzioni. Sono gia' state adottate alcune misure volte all'apertura del palazzo e alla trasparenza amministrativa - ha continuato il Presidente della massima Assise calabrese - come la diretta streaming, che non grava sulle casse del Consiglio in quanto gestita dal suo personale, la pubblicazione dei redditi dei consiglieri e l'approvazione del piano anticorruzione, cui abbiamo dato seguito mediante, per esempio, la rotazione dei dirigenti. Questo provvedimento potra' rendere piu' fluida l'attivita' legislativa". "Negli ultimi tre mesi - ha aggiunto - la sede dell'Assemblea ha ospitato circa 50 iniziative organizzate dalla cittadinanza e, quindi, non riguardanti l'ambito politico. E' un altro segnale che indica l'apertura delle sale istituzionali a cittadini e associazioni.
"Attorno al palazzo del Consiglio - ha evidenziato Irto nel corso dell'incontro - insiste un parco di oltre dieci mila metri quadrati con, al suo interno, un palmarium di oltre tre mila mq. Un grande giardino inaugurato gia' nel 2009 ma mai aperto ai calabresi che vanta oltre 24 essenze, alcune delle quali uniche e dal 2010 irriproducibili in Europa. Il prossimo obiettivo riguardera' il resto del verde. Per la sua implementazione si potrebbe pensare ad una collaborazione con la facolta' universitaria di Agraria". Nicola Irto ha poi sottolineato il "basso costo dell'iniziativa. L'ultimo anno - ha detto - e' stato caratterizzato da un risparmio vero. Nel 2014 il Consiglio regionale ha speso circa 64 milioni di euro; per il 2015 la spesa non dovrebbe superare i 58 milioni. Il nostro obiettivo - ha concluso - il Presidente dell'Assemblea calabrese - e' abbattere ulteriormente i costi".