Direttore: Aldo Varano    

CapitaleMessina su Accorinti, il concorso pilotato ed il progetto De Cola

CapitaleMessina su Accorinti, il concorso pilotato ed il progetto De Cola
 ReP   

"Non abbiamo mai lesinato critiche alla giunta Accorinti, sin dall'inizio del nostro percorso abbiamo espresso le nostre valutazioni, spesso negative, su tante scelte amministrative e politiche" - esordisce così la nota di CapitaleMessina firmata dal portavoce Gianfranco Salmeri -"Non per partito preso, ma perché abbiamo maturato, forse prima di altri, la consapevolezza della inadeguatezza di questa amministrazione di fronte alle grandi sfide necessarie alla rinascita della nostra città." "Su un aspetto però siamo stati concordi rispetto alla vulgata cittadina: la buona fede e l'etica del sindaco Accorinti. Ora anche questa certezza comincia a traballare." - afferma l'associazione -"Ci riferiamo ovviamente ai casi spinosi sollevati in questi giorni dalla stampa sulla selezione dei due dirigenti amministrativi e sul conflitto d'interessi dell'assessore De Cola." "Relativamente al primo punto in esame, non ci addentriamo negli aspetti giuridici, già brillantemente esposti dalla consigliera Antonella Russo, che prefigurerebbero profili di probabile illegittimità, al netto dei quali, comunque, la vicenda puzza lontano un miglio di concorso "pilotato" - sostiene la nota dell'associazione politica - "Per quanto riguarda il caso del progetto di Capo Peloro, riassumendo, i termini della questione sono i seguenti: nel 2000 viene presentato un piano per la riqualificazione di Capo Peloro, per un importo di circa 71 milioni di euro, da un pool di progettisti tra i quali risulta Sergio De Cola, attuale assessore all'Urbanistica della giunta Accorinti. Ebbene lo stesso De Cola, in questi giorni, si fa promotore secondo le cronache stampa, senza arrossire neanche un po', di inserire quello stesso progetto tra quelli da sovvenzionare con i fondi del Masterplan per il sud. Tutto lecito dal punto di vista legale, ma dal punto di vista etico?" - si chiede Salmeri - "La correttezza di una Amministrazione non si "dichiara", ma si dimostra con la linearità e trasparenza delle scelte amministrative".  "Bene ha fatto Lucio D'Amico ad interrogarsi su cosa avrebbe detto Accorinti se i protagonisti di queste vicende fossero stati Buzzanca, Genovese o Leonardi." - conclude il portavoce di CapitaleMessina -" Al riguardo viene in mente il famoso aforisma di Pietro Nenni: "a fare a gara a fare i puri troverai uno più puro... che ti epura", e se crolla il paradigma etico della giunta Accorinti, rimane poco altro."