Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. La proposta del consigliere Mauro: "prodotti a Km0 nelle mense scolastiche cittadine"

REGGIO. La proposta del consigliere Mauro: "prodotti a Km0 nelle mense scolastiche cittadine"

ReP

«Prodotti a chilometro zero di agricoltura biologica, del mercato equosolidale o della filiera corta della produzione locale, in tutte le mense scolastiche cittadine». È la proposta avanzata dal Consigliere comunale de La Svolta Riccardo Mauro alla terza commissione consiliare permanente del Comune di Reggio Calabria. Oggi la Commissione, guidata dal Presidente Antonino Nocera, ha votato positivamente l’atto di indirizzo presentato dal consigliere Mauro e destinato alla Giunta comunale reggina. 

«Vogliamo cibi più sani per i nostri bambini - ha commentato il Consigliere Riccardo Mauro - sia per motivi legati alla salute, sia per sviluppare una corretta educazione alimentare che passa da abitudini virtuose che valorizzano le produzioni locali di qualità. Studiando il mercato dei prodotti alimentari - ha aggiunto Mauro - abbiamo evidenziato come la valorizzazione delle produzioni a chilometro zero riduce sensibilmente il rischio di frodi e falsificazioni. I prodotti alimentari “made in Calabria” sono dieci volte più sicuri e contengono meno residui di quelli provenienti dagli altri Paesi europei o addirittura dalla filiera extracomunitaria. I prodotti di casa nostra vantano il maggior numero di certificazioni di qualità, la leadership nel numero di imprese che coltivano biologico ma anche il primato nella creazione di valore aggiunto per ettaro e quello della sostenibilità dal punto di vista ambientale per la ridotta emissione di gas a effetto serra. Inoltre l’uso delle produzioni locali nelle mense scolastiche andrebbe a favorire le imprese e i produttori del comprensorio che in questo modo sarebbero incentivate nella cura e nella qualità della produzione e nella vendita dei prodotti a chilometro zero, con una sensibile ricaduta anche in termini economici ed occupazionali».  «Il consumo dei prodotti biologici a chilometro zero è una tendenza in costante aumento negli ultimi anni - ha aggiunto il Consigliere de La Svolta -  compito delle istituzioni deve essere quello di valorizzare le pratiche virtuose, soprattutto nei programmi di nutrizione destinati ai più piccoli, sui quali l’attenzione sanitaria deve essere ancora maggiore. Inoltre l’uso dei prodotti a chilometro zero nelle mense scolastiche cittadine consente di ridurre il tempo che intercorre tra la produzione e il consumo, consegnando agli alunni delle nostre scuole dei prodotti freschi e quindi con un maggior potenziale nutrizionale».  «Alla Giunta comunale sottopongo infine un altro tema di interesse strettamente sociale - conclude Mauro - mi riferisco alla possibilità che i pasti intatti, non consumati dagli studenti, non vadano sprecati, ma vengano destinati alle famiglie bisognose della città attraverso la collaborazione delle comunità caritatevoli e delle strutture di accoglienza. Una pratica positiva, un’attenzione specifica, che un’Amministrazione virtuosa come quella inaugurata dalla gestione Falcomatà, può e deve realizzare».