Direttore: Aldo Varano    

VIBO. Fratelli d'Italia annuncia l'adesione al Family Day

VIBO. Fratelli d'Italia annuncia l'adesione al Family Day
Rep
"A noi, lo #SVEGLIATIITALIA Non è piaciuto . 
In questi giorni si discute tanto sul ddl Cirinnà, il decreto di legge sulle unioni civili e sulla “stepchild adoption”.
 
Vorrei esprimere soltanto due parole riguardanti la manifestazione dei gruppi omosessuali dove Arcigay ha dichiarato alla stampa che vi hanno preso parte più di 1 milione di persone.
 
Sarebbe stato dunque un successo eclatante , un accenno della determinazione e del desiderio  di cambiamento del popolo italiano, pronto ad attribuire  figli alle coppie dello stesso sesso felicemente sposate. Nonostante giornali e tv abbiano fatto da pubblicità al tutto, i dati reali restituiscono un quadro diverso e ci aiutano ad arrivare a ben altro punto d'arrivo .
 
Sicuramente, diranno che quanti mettono in dubbio i numeri  dell’Arcigay sono omofobi e razzisti. Ma sappiamo bene che l’insulto è l’unica arma disponibile quando non si hanno argomenti. 
 
Quindi, secondo i calcoli più affidabili ,  a manifestare per le unioni civili non erano nemmeno in 100mila.
 
 In breve,potranno muovere le cose e sollevare anche ciò che sembra inerte e morto, ma la matematica non è un’opinione. Inoltre , è giusto ricordare  l'insuccesso che fino ad ora  hanno avuto i registri per le coppie di fatto istituiti da vari comuni italiani. Ed è ben noto che  “i bambini che vivono con coppie gay” che sono figli solo di uno dei due conviventi nel nostro Paese sono solo 529 (dati Istat).  
 
Chi sostiene il contrario, gonfiando i numeri, lo fa evidentemente per scopi politici e ideologici.
Ripeto, l'utero in affitto è un vero problema , in quanto diventerebbe una pratica discriminatoria e basata principalmente sul denaro. Vorrei ricordare che già da ora , esistono cataloghi virtuali , moduli on-line con relative  testimonianze per sollecitare le corde emotive di una coppia (maschi, femmine, etero o omosessuali che siano, in alcuni casi anche single). Infine troviamo un catalogo dove i prezzi variano  da 10-15 euro  mila a 40 mila e oltre; più è povero lo Stato, più il costo del contratto scende e con esso anche le garanzie igienico-sanitarie.
 
Vorrei quindi , annunciare l’adesione al Family Day del 30 gennaio a Roma, dove saremo al fianco delle famiglie  per dire un secco no alla legalizzazione dell’utero in affitto attraverso la stepchild adoption e per assicurare  la centralità della famiglia basata sul matrimonio. Diciamo irremovibilmente  quindi no al ddl Cirinnà.
 
Anthony Lo Bianco - coordinatore Fratelli Di Italia Vibo Valentia