Direttore: Aldo Varano    

Osservatorio Ambientale segnala situazione di grave degrado amientale sul Torrente Novito

Osservatorio Ambientale segnala situazione di grave degrado amientale sul Torrente Novito
  

ReP

"In data 28/01/2016 alcuni volontari dell’Osservatorio hanno percorso un lungo tratto (circa km. 2,8) dell’alveo del torrente Novito lato Siderno, in direzione mare-monte, e lato Locri, in senso contrario, ed hanno avuto modo di notare un elevato stato di degrado ambientale sintetizzato nelle foto allegate. Naturalmente queste immagini rappresentano solo i cumuli più sostanziosi dei rifiuti che sono sparsi su tutto il tratto percorso e sono costituiti in prevalenza da materiali di risulta da lavori edili, scarti di lavorazioni, sia agricole che industriali. A parte i materiali mediamente degradabili ve ne sono di molto dannosi e pericolosi quali plastica, pneumatici e vetri rotti in quantità e tantissime lastre di copertura in eternit. Vi sono anche evidenti segni di combustione di gomme e suppellettili e larghi getti di cemento da lavatura. Purtroppo si è persino constatato che una gran parte dei reflui della città di Locri che dovrebbero essere smaltiti dal depuratore consortile di Siderno finiscono direttamente sull’alveo del torrente tanto da avere creato un’ampia zona maleodorante e malsana con inquinamento anche del braccio di mare antistante la foce. Per quest’ultimo punto, questo Osservatorio dà atto della solerzia del sindaco di Locri, il quale, appena ricevuta la nostra segnalazione, si è subito adoperato per il ripristino della conduttura fognaria che provocava il copioso sversamento di liquami.  Si rammenta che, ancor più grave, parte di essi sono smaltiti nell’area Sic (Sito di interesse comunitario) IT9350135 VALLATA DEL NOVITO E MONTE MUTOLO. Il sopralluogo è stato effettuato per una verifica in occasione della giornata mondiale delle zone umide che si celebra il 2 febbraio e coincide con la data della sottoscrizione della Convenzione di Ramsar in Iran ( 2 febbraio 1971) con cui si intraprese la tutela a livello mondiale delle aree umide particolarmente importanti per la conservazione della biodiversità. La convenzione è stata sottoscritta da 168 paesi tra cui l’Italia ed è stata ratificata e resa esecutiva dall'Italia col DPR n. 448 del 13 marzo 1976 e con il successivo DPR n. 184 dell'11 febbraio 1987. L’Osservatorio ha segnalato, via PEC, a tutti i soggetti coinvolti nella responsabilità del rispetto dell’ambiente e della tutela della salute dei cittadini affinché si attivino con sollecitudine a rimuovere le cause dell’inquinamento documentato. Fa, inoltre, appello a tutti i cittadini a voler essere vigili e protagonisti nella tutela dell’ambiente che è direttamente collegato alla salute ed alla qualità della vita. Richiama con forza quanto affermato il Vescovo di Locri-Gerace, Mons. Francesco Oliva, nella sua lettera pastorale del 25 gennaio u.s. citando l“ indignarsi non basta” di Pietro Ingrao ha ribadito che “occorre … partecipare alla vita pubblica con lealtà, abnegazione e forza di sacrificio”.

 

Arturo Rocca – Presidente Osservatorio Ambientale "Diritto per la vIta"