Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Al Teatro della Girandola lo spettacolo "Granum auriferum"

REGGIO. Al Teatro della Girandola lo spettacolo "Granum auriferum"
  

Il Teatro della Girandola promuove per il prossimo fine settimana 13/14 febbraio, lo spettacolo dal titolo “Granum auriferum”. Lo spettacolo rientra nella rassegna Teatro Ragazzi, andrà in scena nei giorni sabato 13 febbraio alle ore 18:00, in replica domenica 14 febbraio alle ore 18:00.

Spettacolo "Granum auriferum”
con: Alberto Caristo, Giulia Serranò, Federica Mannuzza, Valentina Genovese, Andrea Foti. 
Regia di: Santo Nicito
Produzione: Compagnia Pagliacci Calandestini 

Descrizione:
Archetipo del servo sciocco o astuto, a seconda dei casi, lo Zanni è il contadino caduto in disgrazia, divorato da una fame insaziabile e sempre pronto ad escogitare stratagemmi e buffonate per soddisfare i propri appetiti. Lo Zanni rappresenta il legame con la terra, il distacco forzato dalla vita contadina e il tentativo di riconciliarsi ad essa. Inizia con lui la commedia dell’arte e attraverso lui prendono vita alcuni dei protagonisti della storia che vorremmo raccontare. Il Grano d’oro non è soltanto un felice estratto della commedia dell’arte, ma la possibilità stessa di trasmettere, attraverso il teatro, attraverso una forma di intrattenimento spesso trattata con troppa superficialità, messaggi pedagogici importanti. Commedia in quattro atti prodotta dalla Compagnia Pagliacci Clandestini, l’opera si rivolge ai più piccoli nel tentativo di stimolarne la riflessione e il senso critico, è infatti un chiaro richiamo all’impegno e alla legalità, oltreché un modo per interagire col nostro giovane pubblico, coinvolgerlo e renderlo partecipe della messa in scena. Arlecchino il perdigiorno, affamato come lo Zanni della tradizione e continuamente distratto dalla compagnia del chiacchierone e fanfarone Giangurgolo, riscatterà la propria indolenza dedicandosi alle occupazioni più strane. Colombina e Balanzone lo accompagneranno in questo percorso rocambolesco alla riscoperta del valore del lavoro e dell’impegno.