Direttore: Aldo Varano    

Calabria. Cardiochirurgia universitaria, Nesci e Parentela (M5s): "bene delibera Perri difendiamo la legalità"

Calabria. Cardiochirurgia universitaria, Nesci e Parentela (M5s): "bene delibera Perri difendiamo la legalità"
 

Rep

«È corretta la posizione del direttore generale dell'Asp di Catanzaro, Giuseppe Perri, che al dipartimento regionale per la salute ha proposto di sospendere le attività della Cardiochirurgia del policlinico universitario, al fine di risolvere le criticità rilevate dalla commissione dell'Asp di Crotone per l'accreditamento». Lo dichiarano i deputati M5s Dalila Nesci e Paolo Parentela, che aggiungono: «Manteniamo il fiato sul collo delle diverse istituzioni, per garantire la salute dei pazienti e la sicurezza degli operatori della Cardiochirurgia universitaria. Non abbiamo mai detto o significato che intendiamo far chiudere il reparto, come ha sostenuto chi vuole continuare a vivere nell'illegalità. Ancora, non abbiamo mai ceduto alle provocazioni di quanti, non volendo risolvere i problemi reali, hanno sparso ogni menzogna pur di rinviare o evitare gli interventi del caso». «Il Movimento 5 stelle – rimarcano i due deputati – si distingue per la sua concretezza e coerenza in fatto di legalità. Ricordiamo che dal 2007, dalla morte assurda dei minori Federica Monteleone, Flavio Scutellà ed Eva Ruscio non è cambiato nulla. Chi ha sbagliato ha mantenuto il suo posto, le carenze strutturali sono rimaste identiche e non sono state rimosse le cause di rischio per la vita dei pazienti. Inoltre, il governo dell'epoca stanziò 250 milioni per costruire quattro nuovi ospedali, dei quali non abbiamo ancora visto un mattone, nonostante i soldi già spesi per studi, progetti e connessi». «Non è colpa nostra – concludono Nesci e Parentela – se nella Cardiochirurgia universitaria mancano i requisiti di legge, tra cui la terapia intensiva dedicata, come certificato dalla commissione di controllo e da tempo denunciato dal Movimento 5 stelle. Speriamo, dopo anni di grande e imperdonabile silenzio, che verranno adottate le misure necessarie».