Direttore: Aldo Varano    

Comitato ProMercure: "l'on. Parentela (M5s) non sa di cosa parla"

Comitato ProMercure: "l'on. Parentela (M5s) non sa di cosa parla"
ReP
"Egr. Direttore, siamo un gruppo di cittadini, lavoratori , che insieme alle loro famiglie risiedono nella Valle del Fiume Mercure, a cavallo tra la Calabria e la Basilicata.

Da oltre 13 anni seguiamo con apprensione l’incredibile vicenda della Centrale Enel del  Mercure, una vicenda non ancora conclusa a causa di una minoranza residuale di oppositori che deforma ogni elemento di verità  su un   impianto industriale di tecnologia avanzata, che nei fatti ha dimostrato  la piena conciliabilità con l’ambiente.

La preoccupazione che l’impianto non venga riavviato, con conseguenze disastrose sulla debole economia del nostro territorio, è condivisa da migliaia di altri cittadini, lavoratori, artigiani, imprenditori, sindaci e amministratori locali, che hanno aderito al movimento spontaneo  che abbiamo costituito.

L’on. Parentela enfatizza la protesta di un gruppo di manifestanti, ripresa in un servizio andato in onda sul Tg3 della Calabria e della Basilicata, per gridare alla violazione dei principi di legalità e di diritto, da parte tutto il mondo che sta al di fuori i 30 manifestanti ( basta guardare il servizio del TG3 e contare le persone), e cioè, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dall'Ente Parco del Pollino, dai governi Regionali della Calabria e della Basilicata, dalla Dirigenza Enel, dalla quasi unanimità dei sindaci che fanno parte della Comunità del Parco del Pollino, da CGIL, CISL e UIL, e dalle federazioni sindacali dei lavoratori elettrici, da Confindustria Calabria, da tutti gli Enti preposti alla tutela della salute, del controllo ambientale e del territorio, dalle organizzazioni di cittadini, lavoratori, artigiani, piccoli imprenditori,commercianti.

 La strumentalità degli interventi dell’on. Parentela è palese, non conosce il percorso ultradecennale dell’autorizzazione all’esercizio della centrale, probabilmente non sa nemmeno dove si trova la centrale e non conosce nemmeno la storia dell'impianto industriale.

 Una storia che non può essere strumentalmente banalizzata in quattro battute confuse, con dati non veritieri, con  denunce nebulose  su infiltrazioni mafiose,.

L’on. Parentela per la sua funzione ha un solo dovere: se sa parli, se sa di infiltrazioni malavitose lo dica, denunci; l’alta responsabilità che ricopre gli dà gli strumenti per farlo, sennò non ci resta che citare Don Ciotti «Sono tanti quelli che parlano di lotta alla mafia ma poi non si sporcano le mani".

 La centrale del Mercure esiste già dai primi anni sessanta; si trattava di un impianto alimentato dapprima con la lignite estratta nella cava vicina, e poi con olio combustibile.

 Ragioni tecnico -economiche hanno portato alla progressiva chiusura della centrale.

 La fermata dell'impianto ha suscitato l'immediata protesta delle amministrazioni degli stessi Comuni di Rotonda e Viggianello che insieme ai Sindaci dei Comuni di Laino Borgo, Laino Castello, Castelluccio Inferiore, Castelluccio Superiore, si sono mobilitati per difendere la presenza del sito produttivo e convincere Enel non solo a mantenere, ma addirittura a potenziare la centrale.

 Le iniziative delle amministrazioni comunali citate, culminarono con l'invio di una lettera al Presidente della Repubblica, al Presidente del Consiglio e al Ministro dell'Industria dell'epoca-

Le spinte dei sindaci, delle altre amministrazioni territoriali e delle organizzazioni sindacali hanno portato Enel ad investire oltre 100 milioni di euro. Con questi soldi Enel, pur prevedendo una riduzione di potenza rispetto al passato, con il consenso unanime di tutto il territorio, ha riconvertito la Centrale del Mercure in un moderno impianto di produzione di energia elettrica alimentata con biomassa vegetale vergine, cioè, un impianto da fonti rinnovabili, che LA COMUNITA' EUROPEA ha ripetutamente giudicato pienamente rispettoso della normativa comunitaria.

Signor Direttore, nel corso del lungo iter autorizzativo l'impianto industriale ha ottenuto da parte degli Enti preposti, tutti i pareri, le valutazioni previste dalla legge, e ben tre provvedimenti autorizzativi.

A centrale completamente ristrutturata, i sindaci di Rotonda e Viggianello, per ragioni non ancora spiegate, hanno cambiato opinione, dando così la stura a opposizioni, ricorsi, innescando un pazzesco iter burocratico, tanto che alla data odierna, la giustizia amministrativa ha emanato ben 25 provvedimenti.

Tuttavia, in nessuno di questi, la giustizia amministrativa ha mai bocciato il progetto Enel.

Ove è stato pronunciato l'annullamento, questi è stato sempre determinato da vizi consumati nel corso del procedimento per il rilascio delle autorizzazioni, e mai da difetto di progettazione o temi concernenti la Centrale del Mercure.

La centrale Enel del Mercure non è " un corpo estraneo e dannoso” bensi' un moderno impianto industriale, riconvertito a biomasse, che nel periodo di funzionamento (giugno /dic. 2013 e attualmente) ha rappresenta un esempio di tecnologia avanzata, in grado di assicurare la massima compatibilità tra mondo produttivo e tutela dell' ambiente.

 Infatti la centrale, oltre che essere dotata dei migliori ed avanzati strumenti di produzione, dispone di un capillare sistema di controllo e di monitoraggio ambientale di qualità tale da fare della Valle del Mercure il territorio più attrezzato d'Italia e non solo.

I dati rilevati dal sistema sono inviati agli Organismi regionali di controllo e sono disponibili e visibili a tutti i cittadini, i quali possono averne cognizione e dai monitor installati all'esterno della centrale e nel palazzo del comune di Laino Borgo.

 Si tratta, quindi di un impianto di alta tecnologia che conferma quanto già attestato in precedenza dal COMITATO SCIENTIFICO PRO VERITATE ­istituito su incarico del Comune di Laino Borgo. Il Comitato costituito da :

Francesco Maria AVATO, direttore del dipartimento di scienze biomediche e terapie avanzate dell' Università di Ferrara;

Luigi MANZO, professore ordinario e docente di Tossicologia nella

Facoltà di Medicina, Università degli Studi di Pavia;

Salvatore SCIACCA, professore ordinario di Igiene e di Igiene Ambientale, Università di Catania

ha affermato che per la Valle del Mercure non c'è NESSUN PERICOLO PER L'AMBIENTE. NESSUN PERICOLO PER GLI ESSERI UMANI. NESSUN PERICOLO DERIVANTE DALLA TIPOLOGIA DEL TERRITORIO. NESSUN PERICOLO PER LA SICUREZZA.

 Che la Centrale del Mercure sia irrilevante sul piano dell'impatto ambientale è confermato anche dai rilievi ambientali eseguiti da ARPA Basilicata, su richiesta dei comuni di Rotonda e Viggianello La salvaguardia dell'ambiente è ulteriormente rafforzata dagli impegni contenuti nell'accordo sottoscritto al MISE da Regione Calabria, Regione Basilicata, Ente Parco, Comuni di Laino Borgo, Laino Castello, Castellucio Inferiore, Castelluccio Superiore, Papasidero, Mormanno, Lauria e Segreterie Regionali di CGIL, CISL e UIL, d Enel.

Tale accordo, tra le altre cose , prevede

-       la costituzione di un Osservatorio Ambientale che avrà lo come scopo l’analisi dei dati ambientali della Centrale Enel “Mercure”;

 - Un impegno di Enel a collaborare con un cospicuo contributo economico alla promozione delle attività imprenditoriali agricole e turistico ricettive del territorio del Parco;

-        L’assunzione da parte di Enel di non meno di 30 unità da inserire nel proprio organico, privilegiando l'impiego di forza lavoro giovanile residente nella valle del Mercure

-       di coinvolgere le imprese della Valle de Mercure  nell’affidamento di appalti per forniture di beni e servizi in misura non inferiore al 50% dei volumi di attività;

-       di concedere alle Regioni Calabria e Basilicata un cospicuo contributo per rafforzare l'impiego di lavoratori forestali per la manutenzione e lo sviluppo boschivo;

-       La disponibilità di Enel a negoziare con l'Ente Parco, con i Comuni interessati e con singoli imprenditori locali, contratti per la fornitura di biomassa proveniente da filiera corta;

- la sottoscrizione, presso le Prefetture di competenza di Protocolli  di Legalità che garantiscano un efficace controllo su coloro che eventualmente si proporranno come fornitori della Centrale.

Sig. Direttore, dalle informazioni che abbiamo, risulta che per ogni giorno di funzionamento , impianto Enel riversa sul territorio una cifra pari a circa 200,000/00 (duecentomila) euro al giorno, per acquisti e stipendi. Quindi, dà lavoro:

-       a oltre 130 lavoratori che ogni giorno varcano l'ingresso della centrale

-       a decine di aziende piccole e grandi, impegnate nei lavori di manutenzione, pulizie civili e industriali;

-       imiega tra le cinquanta e le sessanta boschive ( tutte Calabro-Lucane) impegnate nella fornitura di biomassa con oltre mille addetti;

-       determina delle ricadute rilevantissime sul tessuto commerciale e di accoglienza del territorio;

-       favorisce la qualificazione delle aziende artigiane e la costituzione di consorzi che hanno investito centinaia di migliaia di euro in impianti e attrezzature.

 la ringraziamo per l'attenzione che vorrà dedicarci.

                                                                        Per conto del movimento Pro- Mercure

Mario Mitidieri