Direttore: Aldo Varano    

Randon, monitoraggio Arpacal nel Catanzarese

Randon, monitoraggio Arpacal nel Catanzarese
 

Anche in provincia di Catanzaro, come su tutto il territorio regionale, prosegue la campagna di monitoraggio della presenza di gas radon nei luoghi pubblici e nelle civili abitazioni, realizzata dall’Agenzia regionale per la protezione dell’Ambiente della Calabria (Arpacal). Il laboratorio fisico “E. Majorana” del Dipartimento provinciale Arpacal di Catanzaro, che coordina il progetto a livello regionale, ha in questi giorni installato gli esposimetri nei comuni di Sant’Andrea Apostolo dello Jonio, Vallefiorita e Soverato. La campagna - sviluppata anche nelle altre province calabresi con la collaborazione dei dipartimenti territoriali Arpacal - prevede il coinvolgimento di tutti i comuni interessati a monitorare la presenza del gas radon sul proprio territorio, attraverso il posizionamento di esposimetri in grado di misurare la presenza di questo gas naturale inerte ma radioattivo, prodotto principalmente dal suolo e dai materiali da costruzione. E' importante, infatti, conoscere il livello di concentrazione del radon in un dato ambiente chiuso, come potrebbe essere quello domestico, per individuare le migliori azioni di rimedio per limitare un'eccessiva concentrazione che potrebbe avere effetti dannosi sulla salute, trattandosi di un gas radioattivo, anche a lungo termine.  Nei prossimi giorni il fisico Dr. Salvatore Procopio, con la collaborazione di Giuseppe Pellegrino, tirocinante del Dipartimento di Ingegneria per l’Ambiente e Territorio dell’Unical, proseguirà l’installazione degli esposimetri nei Comuni del catanzarese che hanno aderito all’iniziativa di monitoraggio dei luoghi pubblici, così come nelle private abitazioni di cittadini che hanno accolto l’invito dell’Agenzia ambientale calabrese. A conclusione del monitoraggio, infatti, l’Arpacal rilascerà il certificato di radioattività ambientale, documento che nel prossimo futuro sarà obbligatorio nella compravendita delle case, come avviene già da decenni negli Stati Uniti. Durante la campagna di misura, che terminerà tra un anno, sono previsti nei diversi Comuni aderenti all'iniziativa specifici incontri rivolti alla popolazione, dedicati anche ad altre matrici ambientali, oltre alla realizzazione di un vero e proprio report finale sulla concentrazione del gas radon.