Direttore: Aldo Varano    

SELLIA MARINA (CZ). Arsenico nell'acqua, Parentela (M5s) porta il caso in Parlamento

SELLIA MARINA (CZ). Arsenico nell'acqua, Parentela (M5s) porta il caso in Parlamento
 

ReP

«A seguito dell’incresciosa vicenda dell’acqua contenente arsenico nel comune di Sellia Marina (Catanzaro), che ha visto il sindaco tacere sulle analisi condotte dall’Asp, è necessario intervenire con urgenza, anche attraverso i fondi Cipe stanziati per le emergenze idriche». Lo afferma il deputato M5s Paolo Parentela, che ha rivolto un’interrogazione parlamentare ai ministri dell’ambiente e della salute. «Si deve verificare – aggiunge il parlamentare - se l’inquinamento della falda è dipeso dalla vicina discarica di San Simone su cui sarebbe opportuno che i carabinieri del comando per la tutela dell’ambiente svolgessero urgentemente una verifica ai pozzi piezometrici. La vicenda di Sellia Marina è davvero preoccupante e deve far riflettere il governo sulla necessità di potenziare le attività di vigilanza sulle falde acquifere e sull’erogazione dell’acqua per uso domestico».
Il Cinque Stelle continua: «Il Sindaco di Sellia Marina avrebbe dovuto avvisare immediatamente i cittadini, in quanto la presenza di arsenico nell’acqua utilizzata a fini domestici è molto rischioso per la salute umana. Sindaco e Prefetto devono delle spiegazioni ai cittadini, che rischiano di pagare caro sulla propria pelle la grave dimenticanza delle autorità».
«A questo punto – prosegue il portavoce M5S Parentela – ci chiariscano almeno se e quali provvedimenti urgenti sono stati adottati e quali interventi di bonifica saranno effettuati per rendere le tubature prive di residui di arsenico».
«Inoltre  - conclude - il governo ci dica quali iniziative concrete abbia intrapreso a seguito dell'avvio della procedura d'infrazione n. 2014–2125 sulla cattiva applicazione della direttiva 98/83/CE relativa alla qualità dell'acqua destinata al consumo umano».