Direttore: Aldo Varano    

PALMI (RC). Presentazione del libro "I popoli del mare" di Oreste Kessel Pace

PALMI (RC). Presentazione del libro "I popoli del mare" di Oreste Kessel Pace
 

Sarà presentato a Palmi, il 19 marzo prossimo, in anteprima, l’ultimo libro dello scrittore palmese Oreste Kessel Pace. Nella splendida cornice dell’antica sala consiliare del municipio, alle ore 17, la manifestazione coinvolgerà le più alte cariche politiche della città, nonché studiosi, autori e operatori culturali che hanno confermato la loro indispensabile presenza da ogni parte della Regione. Saluteranno gli ospiti il primo cittadino di Palmi, il dottor Giovanni Barone e il vice sindaco l’avvocato Giuseppe Saletta (entrambi anche, rispettivamente, consigliere e vice presidente del consiglio provinciale) i quali hanno voluto fortemente O.K.P. nella sala più importante della città, definendolo già “tra gli uomini illustri della nostra amata città di Palmi”. A seguire, gli interventi della giornalista e consigliera comunale di Scilla, la dottoressa Pasqualina Ciccone e dello scrittore e assessore comunale di Vibo Valentia, l’avvocato Antonio Scuticchio, già studiosi della biografia e delle opere di Kessel. Sarà affidata, invece, allo storico e docente professore Saverio Verduci la relazione più importante, che traccerà gli elementi fondamentali del saggio in presentazione: POPOLI DEL MARE. Il Verduci ha già presentato il Kessel in alcune manifestazioni regionali nonché proprio a Palmi per la silloge MYTHOS venduta non solo in tutta Italia ma anche all’estero. La serata sarà intensificata, culturalmente, da un abbinamento “teatrale” curato dell’associazione Great Talent di Palmi, protagonista attiva di numerose opere teatrali eseguite non solo nella città di Palmi. Saranno gli attori Cristina Casa, Maurizio Colosi e Giovanni Parrello a recitare alcuni brani dei POPOLI DEL MARE, in particolare testi antichi di oltre tremila anni di antichi Re come Ramses II, Sheshi, Kamose, Amenope ed altri, direttamente dalle traduzioni delle prime scritture arcaiche. Modererà l’artista e operatrice culturale, la dottoressa Adriana Repaci, anche architetto e con alle spalle molte collaborazioni su Oreste Kessel Pace. L’intera manifestazione sarà filmata dal regista dottor Vincenzo Barone, anche fotografo e anch’egli già autore di opere visive sullo scrittore palmese. Dunque, dopo opere di narrativa e versi storici, Oreste Kessel Pace dona ai suoi lettori un saggio, ovviamente di archeologia incentrato sui nostri più antichi antenati che invasero il Mediterraneo con una serie di attacchi, bellici e non solo, che costrinsero i più importanti imperi dell’antichità al declino ed alcuni all’annientamento. Da questo periodo oscuro, sorsero anche nuove civiltà, come i Fenici. POPOLI DEL MARE (così come li definirono i Popoli sottomessi), al plurale, in quanto trattasi di coalizione di più imperi che giungevano proprio dall’odierna Calabria, Sicilia, Sardegna e centro Italia.  Il mare ha giocato sempre un ruolo di comunicazione, anche nel più remoto passato, di fatto non separando ma unendo i popoli antichi.  Dopo le ultime due opere: “MYTHOS” (silloge di poesie storico mitologiche) e “SAN ROCCO” (romanzo storico in seconda edizione) Oreste Kessel Pace è al suo decimo libro. Collaboratore con riviste internazionali sull’argomento. lo scrittore di Palmi (già Premio “Calabria”, “Fata Morgana”, “Cultura”, “Anassilaos”, “Rhegium Julii” e con ben tre riconoscimenti alla carriera ed all’impegno culturale) consegna ai suoi lettori un saggio sulle civiltà antiche del Mediterraneo. POPOLI DEL MARE fa parte anche della collana di opere di Oreste Kessel Pace, della quale i sopra citati MYTHOS e SAN ROCCO”sono il numero 1 e 2. Dunque una collezione destinata a impreziosire le librerie degli amanti della poesia, della narrativa, del mito e della storia. Risultato di anni di studio, collaborazioni con altri studiosi, ma anche di Simposi internazionali organizzati dallo stesso Kessel, POPOLI DEL MARE è già in lista per ben due importanti riconoscimenti in Sardegna, si appresta a diventare un classico della letteratura calabrese ed un punto di riferimento per studiosi non solo italiani, che ne hanno già fatto prenotazione di acquisto.