Direttore: Aldo Varano    

COVELLO (PD): "Don Peppe Diano e lo squallore Di Maio"

COVELLO (PD): "Don Peppe Diano e lo squallore Di Maio"

 

Rep

"Lo squallore con il quale il vicepresidente grillino della Camera, Luigi Di Maio, ha utilizzato il ventiduesimo anniversario dell’omicidio di don Peppe Diana per mano dei casalesi, è davvero ai limiti del volgare. Oltretutto ha utilizzato una bugia clamorosa quanto profondamente priva di qualsiasi fondamento. Fingendo di non volersi mettere in evidenza in questa triste ricorrenza, ha organizzato uno show delirante con una lettera posta sulla tomba del povero ma coraggioso sacerdote. Nella quale afferma: "Caro Don Peppe, ti hanno ucciso un’altra volta. Non sono stati i camorristi, ma premier, sottosegretari e ministri. Il Governo Renzi ha bloccato i fondi per i risarcire i famigliari delle vittime di mafia… La commemorazione di oggi sarà una passerella di ipocriti. A Palazzo Chigi hanno scelto da che parte stare, purtroppo non la tua". Lo scoop è stato ben orchestrato, così da ottenere il massimo della visibilità. Infatti se avesse voluto denunciare qualcosa, avrebbe potuto e dovuto farlo nelle sedi più opportune, non su una tomba e per giunta in un giorno particolarissimo. Ma quello che occorre nettamente denunciare è che De Maio mente sapendo di mentire. Infatti non esiste e non è mai esistito  alcun taglio ai fondi alle vittime di mafia. È noto a tutti che il Fondo di rotazione per la solidarietà alle vittime dei reati di mafiosi, si autoalimenta nel corso dell’anno,  in base alle richieste che arrivano. È poi un'apposita Commissione a valutare e a decidere, secondo criteri che sono giustamente severi.

La sortita di De Maio è decisamente insopportabile e indecente, perché specula su vicende gravissime della nostra storia recente, verso le quali il rispetto dovrebbe essere altissimo. E comunque ben lontano dal quotidiano scontro politico."

Stefania COVELLO
Segreteria naz PD
Resp. Mezzogiorno