Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Misefari: "l'amministrazione comunale a sostegno del nuovo ospedale"

REGGIO. Misefari: "l'amministrazione comunale a sostegno del nuovo ospedale"
 

ReP

 «L’Amministrazione comunale, con delibera di giunta che ha recepito le istanze del Sindaco Giuseppe Falcomatà, ha dato l’indirizzo perché nel nuovo Piano Strutturale Comunale l’area di viale Europa abbia destinazione d’uso sanitaria/ospedaliera. Questa delibera rappresenta un primo passo verso la realizzazione del nuovo ospedale della città, che dovrebbe sorgere proprio nell’area attualmente occupata dall’Ospedale Morelli e nelle aree limitrofe». E' quanto dichiara in una nota il consigliere comunale delegato alla Sanità Valerio Misefari. «La Direzione Generale dell’Azienda Ospedaliera – ha aggiunto Misefari - da tempo aveva individuato quest’area come la più idonea alla realizzazione di nuova struttura ospedaliera, considerato che quella esistente richiederebbe notevoli risorse economiche solo per la messa a norma dal punto di vista statico e che, comunque, lascerebbe sempre una struttura obsoleta ed inadeguata per le esigenze della città metropolitana. Utilizzando queste risorse, già deliberate dalla Regione Calabria, unitamente ad un finanziamento in corso di riconoscimento all’Azienda Ospedaliera, si potrà realizzare una struttura in grado di dare risposte adeguate alle richieste di salute da parte dei cittadini di Reggio Calabria e della nascente area metropolitana».  «Già la direzione Generale dell’Azienda Ospedaliera – ha spiegato il delegato comunale alla Sanità - con l’espletamento dei concorsi per Primario agli Ospedali Riuniti, sta cercando di dare un nuovo volto alla struttura ospedaliera che ha visto per troppo tempo diversi reparti affidati a medici facenti funzioni ai quali, va, comunque, il nostro ringraziamento per il lavoro svolto pur in mezzo a notevoli difficoltà. La presenza del Primario senza dubbio contribuisce a rendere più efficaci le prestazioni sanitarie, ed è quello che sta accadendo al Pronto Soccorso, dove, all’OBI, da due giorni non ci sono più barelle. Siamo certi che quando verranno completati tutti i concorsi per le varie figure professionali – ha concluso Misefari - le nostre strutture ospedaliere saranno in grado di soddisfare al meglio le richieste dei cittadini in attesa di avere quel nuovo ospedale che sarà in grado di dare adeguate prestazioni anche dal punto di vista “alberghiero” ».