Direttore: Aldo Varano    

Sporting Locri: la Procura archivia caso, ex Presidente: "distorta la realtà"

Sporting Locri: la Procura archivia caso, ex Presidente: "distorta la realtà"
"Di questa archiviazione lo sto scoprendo solo oggi attraverso la stampa e questo mi dispiace, io comunque ancora non ho nulla di ufficiale. Io sono parte lesa, ho perso il lavoro di tanti anni fatto con tanta passione e purtroppo ad oggi scopro che non sarebbe stato nessuno, oppure qualcuno che voleva la mia squadra". E' lo sfogo, in una dichiarazione all'Adnkronos, di Ferdinando Armeni, l'ex presidente dello Sporting Locri dimessosi dopo avere denunciato un biglietto di minaccia che faceva riferimento alla squadra di calcio a 5 femminile. Oggi i giornali calabresi danno notizia dell'archiviazione dell'indagine disposta dalla Procura di Locri perché non sono emersi elementi che facciano effettivamente ricondurre la vicenda ad ambienti della criminalità organizzata. " Si è fatto un processo molto mediatico su questa situazione e ciò mi dispiace perché si è distorta la realtà. Nessuno di noi ha mai parlato di mafia ma comunque qualcuno è stato, tra la mafia e l'autoproduzione ci sono di mezzo tante realtà", dice ancora Armeni. "Io ho perso tanto, ho costruito questa squadra col cuore e ho fatto sempre tutto con passione ed educazione. A qualcuno -insiste l'ex presidente - l'evolversi del progetto Sporting Locri non è andato più bene. Questa è la realtà, purtroppo. Prima o poi spero di scoprire chi è stato a togliermi quel mio tesoro". Armeni ringrazia l'avvocato Rondinelli che sta seguendo la vicenda per conto dell'ex dirigente e che "svolgerà - annuncia - tutte le prassi a mia tutela in questo turbinio di notizie e di azioni".