Direttore: Aldo Varano    

NESCI e PARENTELA (M5s) incontrano Viscomi: "buone notizie per gli emodanneggiati"

NESCI e PARENTELA (M5s) incontrano Viscomi: "buone notizie per gli emodanneggiati"
«A breve dovrebbero risolversi i problemi sulle spettanze degli emodanneggiati, secondo quanto assicuratoci dall'assessore al Bilancio della Regione Calabria, Antonio Viscomi». Lo dichiarano i deputati M5s Dalila Nesci e Paolo Parentela, al termine dell'incontro con lo stesso Viscomi, che ha ricostruito la situazione. In merito al periodo che va dal 2015 in avanti, ha precisato l'assessore, sono stati risolti tutti gli intoppi, mentre per gli altri arretrati, comprese le rivalutazioni, si attende l'erogazione dei fondi del governo, che non dovrebbe tardare. «Il Movimento 5 stelle – proseguono i due parlamentari – ha voluto dare da principio un suo contributo fattivo, dati i pesanti ritardi del governo centrale, che ha scaricato sulle regioni e violato la legge dello Stato». «Nei mesi scorsi – continuano i due deputati – avevamo favorito l'incontro di una delegazione degli emodanneggiati con il governatore regionale, Mario Oliverio. Più di recente, invece, avevamo chiesto un colloquio con l'assessore regionale al Bilancio, mettendoci a disposizione per le nostre competenze di parlamentari della Repubblica». «Con l'assessore Viscomi – informano i due deputati 5 stelle – abbiamo anche discusso del futuro della Fondazione Terina e dei suoi dipendenti, sollecitando le iniziative necessarie alla puntuale retribuzione dei lavoratori e a rilanciare l'ente perché si sostenga in autonomia». «Per ultimo – concludono Nesci e Parentela – abbiamo chiesto all'assessore e vicepresidente della Regione di sposare la battaglia per il ricupero delle risorse che la Calabria non ha mai avuto per curare i propri malati cronici, che, come stiamo ripetendo da parecchio, ammontano a circa un miliardo e settecento milioni. Con una cifra del genere si potrebbe cambiare molto della sanità regionale, intanto assumendo il personale di cui c'è tanto bisogno negli ospedali