Direttore: Aldo Varano    

GENTILONI firma il decreto che istituisce la ZES. Russo: è una svolta per la Calabria

GENTILONI firma il decreto che istituisce la ZES. Russo: è una svolta per la Calabria
zes gioia "Firmato il dpcm con i criteri per le #Zes, ora il testo passa alla Corte dei Conti e poi in GU. Presto si potranno costituire le zone economiche speciali: una spinta ulteriore alla ripresa del Mezzogiorno con i porti protagonisti". Lo ha scritto meno di un’ora fa su Twitter il ministro per la Coesione territoriale, Claudio De Vincenti.

Il dpcm attua quanto previsto dal dl Sud. Lo scopo delle Zone economiche speciali (Zes) è quello di creare condizioni economiche, finanziarie e amministrative che consentano lo sviluppo delle imprese già operanti e l'insediamento di nuove imprese. Il dpcm disciplina, quindi, le procedure e le condizioni per l'istituzione in alcune aree del Paese di zone economiche speciali, che vengono definite come aree geograficamente delimitate e chiaramente identificate, situata entro i confini dello Stato, costituite anche da aree non territorialmente adiacenti purché presentino un nesso economico funzionale, e comprendenti almeno un'area di sistema portuale.

Francesco Russo, il docente universitario prestato alla politica della Regione, assessore ai trasporti, raggiunto da noi al telefono, non ha ancora letto le agenzie con le dichiarazioni di De Vincenti. E’ cauto. Come se la notizia essendo troppo bella per essere vera debba prima essere verificata. Poi, dopo che gli leggiamo l'agenzia battuta a Roma, sollecitato, si lascia andare anche se ancora antepone un “se quel che lei dice è vero”. Spiega: “In questo caso si apre una pagina nuova per l’imprenditoria della nostra regione, per il lavoro e l’occupazione e per tutto il sistema economico e produttivo della Calabria”. Gli chiedo se la Calabria è pronta. “Stiamo lavorando esattamente dal giorno di Natale, non le sembri strano, al Piano di sviluppo regionale. No. Non saremo impreparati. Non ce lo perdonerebbe nessuno. Voglio aggiungere che la Zes non è di nessuno: è di tutta la Calabria. Premia l’impegno, la coerenza, la serietà del lavoro che è stato fatto”. Lo provoco: non è strano che la firma arrivi a ridosso delle elezioni e in piena campagna elettorale? “Questo mi dispiace”, reagisce. “Ma mi creda, noi abbiamo lavorato ventre a terra per raggiungere questo obiettivo senza guardare né il calendario, né le festività e tantomeno gli appuntamenti elettorali. E’ una cosa troppo importante la Zes per giocare a svilirla. Capisco la sua domanda, ma gliel’ho già detto: è un successo di tutta la Calabria, la dimostrazione che quando si lavora con un progetto serio anche se ambizioso, il risultato arriva”.