Direttore: Aldo Varano    

LE PAROLE e LA STORIA. Tigna, capiddhi e cannola

LE PAROLE e LA STORIA. Tigna, capiddhi e cannola

calvizie

C’era nella civiltà contadina una diffidenza consolidata nei secoli verso tutto ciò che era artificiale; sicché anche gli occhiali e i pettini venivano proscritti come destinati a persone che non erano normali: Occhiali pe’ l’orbi e pèttini pe’ i tignusi.

Tigna era si la malattia del cuoio capelluto ma anche, per metonimia, la testa sottostante.

L’irrisione assumeva per lo più la forma poetica tignusu mbilli mbilli / ti tagghiaru li capilli / ti tagghiaru li boni boni / e ti dassaru li scattagnoli, ove gli scattagnoli sono i capelli che fanno meno scena, magari quelli della nuca o delle bassette.

Un’altra quartina interessante include la citazione di un Pietro Castagna frangitore di ‘tigna’, forse evocazione di Serafino Castagna da Presinaci (VV), famoso pluriomicida negli anni Cinquanta del secolo scorso.

La prima parola è un diminutivo di persona intercambiabile, sicché il destinatario poteva essere qualsiasi bimbo (Peppareddhu, Cicciareddhu, Carmeleddha, etc.).
Catarineddha non jri pe’ ligna
Chi ti ncuntra Petru Castagna
E si ti ncuntra ti ruppi la tigna
E ti rizzòla muntagna muntagna

  D’altra parte un altro proverbio, cu si nnamura capiddhi e denti / non si nnamura i nenti, ribadiva però l’inessenzialità dei capelli, quasi a scriminare i tignusi; infatti non sempre chi aveva tanti capelli da farsene anche i boccoli (cannola i calabrese) riusciva ad ottenere miracoli: ambàtula ti llisci e fai cannola / lu santu ch’è di marmuru non suda (vanamente ti lisci e fai i boccoli / il santo che è di marmo non suda).

E i boccoli (cannola con il verbo derivato ncannolari, fare i boccoli) tornavano in ninne nanne ed altri nonsense destinati ai bambini: hola hola hola / si ti pettina ti ncannola / si ti tornu a pettinari / li cannola ti tornu a fari.

O ancora la seguente esortazione a correre a scuola ma sempre dopo essersi ben pettinati: Prestu prestu figghioleddi / jamunindi per la scola / cu si lliscia e cu si pettina / e cu si faci li cannola. 

Chiudiamo con un bel canto d’amore, due quartine fatte rigorosamente da endecasillabi,  nel quale entrano in primissimo piano i capelli ncannolati dell’amante:

Bella cu ssi capilli ncannolati
Supra la testa comu li teniti?
Ti l’ammeritarissi ‘ncurunati
Di petri preziusi e margariti
La sira, quand’a lettu vi curcati,
lu suli fa la ninna e vui dormiti;
 e la matina quando vi levati
li raggi di lu suli trattenuti.[1]  

[1] Carlo Buccisano, D’amuri e di sdegnu, a cura di Paolo Martino e Santino Salerno, Reggio Calabria, 2013, p.41.

[1] Carlo Buccisano, D’amuri e di sdegnu, a cura di Paolo Martino e Santino Salerno, Regigo Calabria, 2013, p.41.