Direttore: Aldo Varano    

REGGIO. Si è tenuto il workshop “Investire nello sviluppo rurale e sui giovani” attività del programma Rural4Università.

REGGIO. Si è tenuto il workshop “Investire nello sviluppo rurale e sui giovani” attività del programma Rural4Università.
Si è tenuto presso l’Aula seminari del Dipartimento Agraria dell’Università Mediterranea, il workshop “Investire nello sviluppo rurale e sui giovani” attività del programma Rural4Università, che vede la partecipazione di Istituzioni pubbliche (a livello nazionale, regionale e locale), Sistema dell’Istruzione, con 17 Università italiane, aziende agricole biologiche e attori del territorio. L’attività della Rete Rurale nazionale ha lo scopo di mettere a punto un modello replicabile nell’ambito dei PSR, al fine di trasferire conoscenze, esperienze e buone pratiche a studenti universitari e tecnici di settore. Durante i lavori, aperti dal Prof. Giuseppe Zimbalatti Direttore del Dipartimento Agraria sono state presentate, ad una sala gremita da studenti, docenti e professionisti, le opportunità e gli strumenti per la creazione e lo sviluppo d’impresa nel settore agro-forestale. Le tematiche hanno spaziato dalla descrizione del quadro normativo e tecnico agronomico, correlato alle politiche di sviluppo rurale, alla disamina delle potenzialità intrinseche del sistema agricolo nell’attuazione di strategie di diversificazione colturale e aziendale. In particolare sono stati presentati casi studio di buone pratiche aziendali, con l’ausilio dell’applicativo “Business Plan On Line” di ISMEA-Rete Rurale Nazionale. Le sessioni tecniche, tenute dal dott. Michele di Domenico di ISMEA, hanno illustrato, durante la sessione introduttiva, le agevolazioni per i giovani agricoltori e i Business plan online e i progetti di investimento e, nella seconda parte, analisi di casi aziendali partendo dalla descrizione dell’azienda e del progetto, fino all’analisi degli investimenti e dei risultati attesi. La dott.ssa Paola Lionetti rappresentante della Rete Rurale Nazionale e coordinatore del progetto Rural4learning ha posto l’accento sul preciso significato rivolto a giovani studenti e agronomi, ossia l’importanza sempre maggiore del ruolo del settore biologico per la sicurezza alimentare, per la salute dei consumatori e per la tutela dell’ambiente, sottolineando le importanti prospettive occupazionali, che esso offre.
Il Dipartimento Agraria, grazie al coinvolgimento di tutti i docenti e con il coordinamento dei dott.ri Lorenzo Abenavoli e Demetrio Fortugno, si rende ancora una volta promotore di attività di divulgazione, tese a favorire lo sviluppo del territorio, con particolare riguardo agli interventi a sostegno dei giovani che si insediano per la prima volta in agricoltura. L’obiettivo di facilitare la nuova imprenditorialità e il ricambio generazionale in agricoltura, anche attraverso la comunicazione e il trasferimento di conoscenze sulla Politica di Sviluppo Rurale, è considerato oggi dall’Ateneo reggino prioritario per lo sviluppo delle aree rurali e per dare aiuto concreto all’economia regionale.
L’evento conclusivo di Rural4Università previsto a Roma, presso il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, per il prossimo 12 Dicembre sarà l’occasione per presentare i risultati dell’iniziativa e per ragionare su possibili scenari di cooperazione interregionale, funzionali a dare sistematicità e continuità alla sperimentazione.