Direttore: Aldo Varano    

CINZIA NAVA. Gli alunni dei piccoli centri hanno gli stessi diritti di quelli delle grandi città

CINZIA NAVA. Gli alunni dei piccoli centri hanno gli stessi diritti di quelli delle grandi città

"In qualita' di presidente della Crpo Calabria che promuove con forza la parita' in tutti i campi e per tutte le persone, di qualunque eta' e condizione, sento il dovere di esprimere il mio pensiero e quello della Commissione che rappresento sulla questione scuole in Aspromonte per ribadire un principio chiave: i piccoli alunni dei piccoli paesi, anche montani, hanno egual diritto dei piccoli alunni delle grandi citta'". E' quanto afferma in una nota Cinzia Nava che aggiunge: "Il diritto allo studio e' uno dei diritti fondamentali ed inalienabili della persona, nonche' principio sancito nel diritto internazionale dalla Dichiarazione universale dei diritti umani dell'Onu - aggiunge -. Ancora, la nostra Repubblica afferma che la scuola e' aperta a tutti e quindi deve essere rimosso ogni ostacolo perche' possa essere concretamente accessibile a tutti. Pertanto, i piccoli alunni dei piccoli paesi devono poter frequentare la scuola vicino casa e non doversi alzare all'alba per raggiungere con il pullman una struttura vicina e rientrare a tarda giornata, preoccupandosi di dover fare i compiti per il giorno dopo. L'ideale sarebbe che ogni alunno, completati i compiti, integrasse il proprio processo educativo facendo sport o altra disciplina formativa".

"Mantenere le scuole nei piccoli paesi avrebbe diversi vantaggi - aggiunge Nava -: significherebbe venire incontro alle esigenze delle famiglie che non sarebbero costrette a trasferirsi altrove per impedire ai propri piccoli figli di fare i pendolari ed impedirebbe anche ai nostri paesi, indicati come borghi antichi, di essere dimenticati perche' sempre piu' con meno popolazione. Mantenere la gioventu' in questi borghi vuole dire mantenerli in vita, far conoscere usi e costumi attraverso gli abitanti stessi. Siamo una Regione turistica e non possiamo abbandonare quello cio' che ricorda le nostre origini greche. Consapevole che mantenere le scuole nei piccoli paesi comporti problemi economici ed organizzativi, come formazione delle classi e assegnazione degli organici e dei docenti, da promotrice delle parita' auspico - conclude - che si trovi una soluzione affinche' i piccoli alunni dei piccoli paesi possano avere gli stessi diritti dei piccoli alunni delle grandi citta'".