LAMEZIA. Mascaro VS Consiglio di Stato: contro la città abusi, soprusi e accanimenti

LAMEZIA. Mascaro VS Consiglio di Stato: contro la città abusi, soprusi e accanimenti

“Ancora una volta si è scritta una pagina negativa per chi crede fortemente nell’idea del senso etico dello Stato, per chi crede in una giustizia giusta e non in una giustizia frettolosa e sommaria”. Lo scrive, in un post su Facebook, l’ex sindaco di Lamezia, Paolo Mascaro, commentando la decisione del Consiglio di Stato di confermare la gestione commissariale del suo Comune, sciolto nel novembre 2017 per infiltrazioni mafiose.

Per Mascaro “Le motivazioni, rese pubbliche, del provvedimento con il quale il Consiglio di Stato ha accolto la sospensiva richiesta dal ministero dell’Interno avverso la sentenza del Tar Lazio, che aveva giustamente annullato lo scioglimento del Consiglio comunale di Lamezia Terme, lasciano oggettivamente senza parole. È incredibile che la democrazia rappresentativa di una importante città della Calabria sia oggi ancora massacrata e violentata sulla base di asserzioni inveritiere e facilmente riscontrabili”.

“Si scrive nel provvedimento di concessione della sospensiva che in una indagine della magistratura del maggio 2017 - aggiunge Mascaro - siano emersi “frequente affidamento delle gare alle stesse società” e “assegnazione di concessioni a soggetti privi di requisiti”: ciò è oggettivamente falso non essendovi mai stata alcuna indagine penale che ha contestato ciò. Si scrive che vi sia stato “frequente affidamento delle gare alle stesse società ma in realtà – argomenta l’ex sindaco di Lamezia - mai in 29 mesi di amministrazione Mascaro una stessa società è stata affidataria di più gare. Si scrive, ancora, che vi sia stata ‘assegnazione di concessioni a soggetti privi di requisiti’ ma in realtà ciò non è mai accaduto e mai è stato in precedenza in alcun atto contestato”.

E infine: “Al di là di questi dati oggettivamente inveritieri, nessuna contestazione viene mossa all’attività amministrativa, con inesistenza di ogni presupposto per lo scioglimento che viene invece allo stato confermato stante la concessione di sospensiva. Oggi più che mai vi è, quindi, la necessità di continuare una giusta battaglia a difesa di immortali principi etici, contestando e contrastando con coraggio abusi, soprusi, inefficienze, superficialità, omissioni, accanimenti. Non si tratta di combattere lo Stato, nel quale si crede e per il quale si lotta, ma – è la conclusione di Mascaro - di combattere malcostume e soprusi per affermare democrazia e giustizia e quindi l’eticità stessa dello Stato, oggi troppo spesso calpestata e maltrattata”.