BERLUSCONI. Sulla Calabria, la Santelli, Forza Italia

BERLUSCONI. Sulla Calabria, la Santelli, Forza Italia

"Grazie di cuore alla Calabria e ai calabresi. La storica vittoria di Jole Santelli in Calabria, che ha distaccato di oltre 20 punti il candidato del Pd, segna un punto di svolta". Lo scrive in una nota Silvio Berlusconi che oggi ha riunito lo stato maggiore di Fi ad Arcore. "Rappresenta la vittoria delle nostre idee liberali, cristiane, garantiste, della nostra visione dell'uomo e dello Stato, antitetica a quella collettivista e statalista della sinistra. E' una differenza di fondo, che si traduce in un modo diverso di governare non soltanto lo Stato nazionale, ma anche le regioni e gli Enti Locali: per noi è centrale la persona, che non può essere vessata con la persecuzione fiscale, la persecuzione burocratica, la persecuzione giudiziaria".

"Nella sconfitta della sinistra spicca con particolare evidenza la disfatta del movimento Cinque Stelle, avviato ad una disgregazione irreversibile: è il fallimento del linguaggio dell'odio, della rivalsa sociale, dell'aggressione giudiziaria, strumenti che possono portare un consenso occasionale, ma non si traducono in un programma di governo serio neppure nelle regioni".

 "In questo quadro Forza Italia in Calabria -aggiunge Berlusconi- riprende l'iniziativa con l'affermazione di una dei suoi dirigenti più capaci, più leali, più strettamente legati alla nostra storia e alla nostra identità. Jole Santelli è un esempio di quella classe dirigente capace e preparata che si è formata ed è cresciuta negli anni nel nostro movimento. A questo suo risultato personale corrisponde del resto la grande affermazione di Forza Italia nel voto di lista: non soltanto Forza Italia è il primo partito della coalizione, ma considerando le tre liste esplicitamente riconducibili al nostro movimento supera il 27% dei voti". "Forza Italia dunque riparte dalla Calabria, dai territori, dal radicamento, dall'impegno corale di eletti, amministratori, dirigenti, militanti, dalla capacità e dall'impegno di dirigenti come Jole Santelli e gli altri amici calabresi, un impegno che ho avuto modo di toccare con mano ricevendo in campagna elettorale lo straordinario abbraccio affettuoso della gente di Calabria".