Direttore: Aldo Varano    

A Locri (RC), per Mitica, Dei e Dee di Adelaide Di Nunzio

A Locri (RC), per Mitica, Dei e Dee di Adelaide Di Nunzio
ReP
 

Mitica
4 luglio – 24 agosto 2014
A Locri, Dei e Dee di Adelaide Di Nunzio
Quadri mitologici, articolati in una visione complessa seppure prossima a modalità che ci riguardano e coinvolgono: sono le fotografie di Adelaide Di Nunzio, in mostra a Locri (RC) dal 4 luglio al 24 agosto 2014. Dei e Dee è il titolo della personale di fotografia, protagonista estiva della rassegna Mitica– Percorsi sonori visivi e visionari contemporanei, ideata e curata da Marò D’Agostino e prodotta da Ant’art con il patrocinio logistico della Soprintendenza ai Beni Archeologici della Calabria-Museo Archeologico Nazionale di Locri che ha messo a disposizione il complesso museale Casino Macrì.
“[…] Dioniso, Zeus, Ecate, Apollo, Giunone, la Sibilla Cumana: antiche e tragiche vicende, amori, tradimenti, profezie, vengono rievocati dalla Di Nunzio, con acuta sensibilità e restituiti alla nostra contemporaneità, così segnata dalla solitudine, deserta di voci e di progettualità. Il suggestivo itinerario dell’autrice viene compiuto attraverso lo specifico della fotografia, che diventa così mezzo di indagine e di comunicazione, di tensione all’Assoluto e di immersione nell’interiorità, strumento e codice di cui vengono sondate le innumerevoli potenzialità”: così l’antropologo Luigi Lombardi Satriani in un breve saggio dedicato a questa ricerca.
«Miti che rimandano alla rappresentazione della condizione umana, sempre alla ricerca del bene ovvero del benessere contingente che ad essa sfugge, e che incarnano i desideri ora materiali ora ideali o finanche virtuali degli uomini, trovano forma in altrettanti ritratti della fotografa napoletana, il corpo come luogo d’elezione e veicolo di tensioni e malesseri – spiega Marò D’Agostino -. La corporeità è manifesta nella espressività dei volti ma soprattutto nella accurata costruzione posturale che sembra far scaturire l’immagine di ciascun mito direttamente dal proprio quadro scenico; e in cui, di volta in volta, gli oggetti, il contesto, l’apparato scenografico, o la sua assenza, si pongono come tratti costitutivi del carattere. Ritratti dell’“anima da immortalare”; non è secondario che l’artista, per rappresentare i suoi miti, abbia sovente coinvolto conoscenti o amici e addirittura se stessa. Quotidianità trasfigurate ovvero divinità rese quotidiane. Ritratti -specchio di umanità intense, spesso inquiete o precarie e sofferenti, comunque problematiche». E, a rivelare le ragioni della scelta espositiva, conclude: «La componente espressiva della serie fotografica trova una congeniale amplificazione nel contesto spaziale per cui la mostra è stata pensata. La presenza parallela dei preziosi reperti d’età romana che arricchiscono la visita al complesso museale del Casino Macrì e l’incidenza potente e drammatica della luce che riverbera, attraverso le finestre aperte sul Parco archeologico locrese, rendono agli sguardi una continua ri-narrazione, con differimenti del pensiero/eterotopie e prospettive archetipiche che (si) rigenerano».
L’evento espositivo sarà preceduto, nei giorni 2 e 3 luglio, da una fase didattico-laboratoriale aperta a un numero limitato di partecipanti. Info e prenotazioni: 0964/390023.
Venerdì 4 luglio, alle 19, la vernice della mostra.

Adelaide Di Nunzio, nata a Napoli, si è diplomata all’Accademia di Belle Arti e alla Scuola di Fotografia Bauer di Milano. È impegnata in un ambizioso progetto in cui mitologia, fotografia e simbologia si fondono, sublimandosi, per ri-creare immagini oniriche ed evocative. Nel 2013 con “Gods&Goddesses” ha esposto a Istanbul. Molti dei suoi reportage e foto sono stati pubblicati su testate nazionali e internazionali (Vanity Fair – Panorama – Rolling Stones – Corriere della Sera – Sunday Times). Collabora con l’agenzia Tips di Milano.