Direttore: Aldo Varano    

MELITO (RC). Incendi: tempestivo intervento dei Vigili del Fuoco in via Rumbolo

MELITO (RC). Incendi: tempestivo intervento dei Vigili del Fuoco in via Rumbolo
ReP
 

La situazione di potenziale rischio per la pubblica e privata incolumità e per la sicurezza stradale determinatasi in via Rumbolo di Melito Porto Salvo a causa di alcuni alberi fortemente instabili, ha spinto lo scrivente a richiedere nella mattinata di oggi l’intervento dei Vigili del Fuoco di Reggio Calabria per eliminare il pericolo imminente che alcuni grossi rami minacciavano essendosi staccati dall’albero e penzolavano visibilmente sul sottostante marciapiede, uno dei quali situato lato mare del ponte ferroviario. In caso di crollo, inevitabilmente, sarebbe stata interessata anche la sede stradale. Lo stato dell’arte faceva facilmente rilevare che già in passato alcuni di questi pesanti rami si erano staccati e avevano notevolmente danneggiato in diversi punti la robusta ringhiera metallica posta in sopraelevazione al muro stradale. I vigili del Fuoco tempestivamente intervenuti insieme con il personale della Sede di Melito PS, hanno provveduto, alla presenza dello scrivente, ad eliminare l’attuale situazione di rischio che avrebbe potuto determinare tragiche conseguenze. Nella segnalazione odierna evidenziavo che eliminato il pericolo imminente appariva indispensabile che l’Ente competente (Amministrazione comunale) disponesse adeguati accertamenti tecnici per la valutazione delle condizioni di stabilità e propensione al cedimento degli alberi, atteso che lo stato di fatto, indiscutibilmente, costituisce una fonte di rischio non indifferente per persone e cose. Ciò, soprattutto, a seguito di cambiamenti climatici, poiché, durante le piogge, l’acqua da essi assorbita ne aumenterebbe il peso e, i fenomeni ventosi di forte intensità, in verità non sporadici nella zona, potrebbero verosimilmente determinarne la caduta di grossi rami che interesserebbero anche le circostanti abitazioni. E’ stato altresì richiesto che gli accertamenti tecnici andrebbero estesi sull’alto muro stradale nel tratto interessato dagli alberi, poiché, non si esclude che la spinta prodotta dalle radici degli alberi posti a ridosso del citato muro, potrebbe, nel tempo (se ciò, addirittura, non è già avvenuto), arrecare danni alla stessa struttura, determinandone persino un rovinoso crollo.
Vanno fortemente sottolineati i tragici eventi riportati dagli Organi di Informazione causati dal crollo di rami di alberi, ultimo dei quali si è registrato qualche giorno fa nel parco delle Cascine a Firenze ove il crollo di un ramo ha causato la morte di una bambina di due anni e della zia di 51 anni. Sarebbe sufficiente quest’ultima tragedia per sensibilizzare la coscienza di chi deve intervenire a salvaguardia dell’incolumità pubblica, ma evidentemente queste perdite di innocenti vite umane non bastano, visto il ripetersi di questi eventi che si debbono e si possono facilmente prevenire.


Vincenzo CREA
Referente unico dell’ANCADIC Onlus
e Responsabile del Comitato spontaneo “Torrente Oliveto”