Direttore: Aldo Varano    

CALABRIA. Pacenza (Cdx): Pd attacca per nascondere le proprie divisioni

CALABRIA. Pacenza (Cdx): Pd attacca per nascondere le proprie divisioni
"Un vecchio adagio dice che si attacca per non essere attaccati: bene, ritengo
che i colleghi dell'opposizione stiano facendo proprio questo per nascondere
agli occhi dei calabresi i grossi problemi d'unita' riscontrati al loro interno
sul nome del candidato a presidente". Cosi' il presidente della III Commissione
del Consiglio regionale Salvatore Pacenza in merito alla querelle scatenatasi
attorno alla data delle prossime elezioni regionali. "Dal Pd - prosegue -
provengono quotidianamente attacchi e accuse su temi che hanno ormai esaurito il
loro naturale decorso. La vicepresidente Stasi, infatti, ha emanato il decreto
col quale si fissa la data delle elezioni al prossimo 12 ottobre. In questo
senso, e' giunto anche il via libera da parte del Presidente del Consiglio
Matteo Renzi. Questo prolungarsi della querelle sull'argomento sembra ormai cosa
sterile, ma forse utile a tenere in secondo piano l'aspro confronto che sta
avvenendo all'interno del Pd per designare il proprio candidato a presidente. A
noi poco importa di questo, ma ci preme far chiarezza nei confronti degli
elettori calabresi che, con sistematica insistenza, vengono bombardati da
dichiarazioni pubbliche pretestuose e fuorvianti. A loro diciamo che, nonostante
le recenti vicende, il centrodestra calabrese e' unito e al suo interno
rinnovato. La coalizione moderata sta stringendosi infatti attorno al nome di
quel candidato ideale in grado di dialogare con le tante anime presenti
all'interno della coalizione e che, soprattutto, sappia scendere a contatto fra
la gente per farsi carico dei loro problemi. La strategia comunicativa adottata
dai colleghi del Pd, per tanto, si sta rivelando improduttiva perche' utile solo
a mettere in luce tutte le crepe ancora presenti all'interno del versante
democratico calabrese. E' notorio che, nonostante l'adesione di facciata
all'area cosiddetta Renzi, essa conserva al suo interno tutte le lacerazioni
che, gia' col governo Loiero, erano affiorate, tenendo a freno lo sviluppo della
CALABRIA. Ai cittadini di questa regione diciamo di
contro che il centrodestra calabrese e' pronto per le elezioni del 12 ottobre e
sara' ancora una volta l'alternativa piu' credibile". "A questa coalizione -
conclude Pacenza - serve un altro mandato per portare a compimento lo
straordinario lavoro di normalizzazione maturato nel corso di questa
Legislatura. Siamo sicuri che i calabresi sapranno comprendere tutto cio' e non
si lasceranno abbindolare da eventuali ed ulteriori proclami pubblici
dell'opposizione".