Direttore: Aldo Varano    

RC. Marra (MAA) la politica reggina come bandiere al vento

RC. Marra (MAA) la politica reggina come bandiere al vento
ReP
 

«Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare, a Dio quello che è di Dio»:(Luca 20, 25b) in Luca il manifesto dell’ antipolitica di Gesù? O della non violenza di Gesù che rispondeva così a chi voleva accusarlo di essere un sovversivo? O della laica separazione tra Stato e Chiesa? A queste chiavi di lettura può essere utile aggiungerne un’altra, nell’umile tentativo di far luce sui nostri giorni confusi: un invito a recuperare il valore culturale della disobbedienza. Un modo per dire: io non ci sto. Può sembrare una delle provocazioni che a Gesù non dispiacevano affatto. Il termine potrebbe essere sostituito da cultura critica, non-conformata al sistema dominante di valori, ma perderebbe d’impatto. La disobbedienza, in senso non banale, non è il «no» cieco e informe di un’opposizione spesso altrettanto acritica come ciò a cui s’oppone, ma la capacità di non aderire alla società dell’ubbidienza.
Il nostro “Movimento Autonomo Alternativo “ nasce alla fine del 2010 proprio per staccare la spina ad una politica corrotta che pensa solo ai propri interessi ; quello che è assolutamente affascinante oggi della politica è che chiunque può parlare di tutto e del contrario di tutto, un giorno far salire la sua indignazione e l'altro rincorrere la corrente del momento, per paura di un pugno di voti, uomini vuoti, uomini e donne senza alcuna dignità che si vendono al migliore offerente, come tante bandiere al vento…in fondo il popolo dorme e ha la memoria corta vota il fascino del nulla, corre dietro all'ebbrezza di un istante, l'ultimo, vuoto, prigioniero di un'illusione, quella di essere uomini liberi.
Mi raccomando , il ventisei ottobre andate in montagna a fare un bel barbecue, oppure continuate a dire che siamo tutti uguali e che non cambierà mai niente ( e a dire la verità io mi sento molto diverso da questi politicanti reggini che amano farsi le passerelle un mese prima delle amministrative ) al futuro della nostra città non ci pensate. Non andate a votare si tratta solo del futuro dei Vostri figli in fondo a Voi che ve ne frega, la vostra vita l'avete già vissuta è ora che anche loro si assumano le loro responsabilità…tanto di bandiere al vento non ve ne sono mai abbastanza!