Direttore: Aldo Varano    

Taranproject Mimmo Cavallaro e Cosimo Papandrea candidati al “Tenco” 2014

Taranproject Mimmo Cavallaro e Cosimo Papandrea candidati al “Tenco” 2014
ReP
 

Taranproject, Mimmo Cavallaro e Cosimo Papandrea sono candidati nella sezione  per il “Miglior album in dialetto” delle Targhe “Tenco” 2014 con “Sonu”. 
La più famosa band di musica popolare calabrese è in lizza per il prestigioso riconoscimento che, dal 1984, viene assegnato alla migliore canzone d’autore  uscita nel corso dell’anno. 
Nell’album “Sonu” (prodotto da Massimo Bonelli - CNI Music), espressione  semplice e raffinata dell’antico sapore della tarantella rivisto nel presente,  i Taranproject raggiungono la loro massima espressione artistica e ci regalano  quello che può essere definito il disco della maturità per il gruppo guidato da  Mimmo Cavallaro e Cosimo Papandrea: suggestioni, tradizioni, orgoglio e sogni  di una intera terra si intrecciano e convivono in una visione lucida, emotiva, coinvolgente. La visione di una terra pronta a riscattarsi attraverso la sua  musica, una musica che sa essere antica eppure moderna, che racchiude in sé il sentire di un popolo e lo proietta verso il futuro.
Inarrestabile fenomeno della nuova musica popolare, in straordinario  equilibrio fra tradizione e innovazione, Mimmo Cavallaro, Cosimo Papandrea e i  Taranproject sono stati ospiti ai più importanti eventi legati alla musica  popolare nazionale (Folkest, Roma Incontra il Mondo, Musicultura, Adriatico 
Mediterraneo, Notte della Taranta, Kaulonia Tarantella Festival); si sono  esibiti per ben due volte al “Primo Maggio” di Piazza San Giovanni a Roma e,  oltre a “Sonu”, hanno realizzato gli album “Hjuri di hjumari” nel 2011,  “Rolica” nel 2012.
Una giuria di oltre duecento giornalisti musicali designerà i vincitori delle  quattro sezioni in cui si articola il premio “Tenco” (oltre al migliore disco in dialetto, migliore canzone, migliore disco assoluto e migliore opera prima) che saranno premiati il 6 dicembre al Teatro Ariston di Sanremo, ospite d’onore 
David Crosby.