Direttore: Aldo Varano    

RC. Canile di Mortara : Le perplessita' del Movimento 5 Stelle

RC. Canile di Mortara : Le perplessita' del Movimento 5 Stelle

ReP

 

A nulla sono serviti la passione e l’impegno delle ragazze e dei ragazzi di “Dacciunazampa”, che in due mesi sono riusciti a far adottare più di cento cani randagi. La triade commissariale di Palazzo San Giorgio ha ignorato quanto di buono si è fatto e si stia facendo nel canile di Mortara per gli animali e, quindi, per la città.

Sorprende l’accelerazione dei commissari sulla vicenda, concretizzatasi nell’affissione all’albo pretorio del provvedimento di assegnazione definitiva della struttura all’associazione Aratea, in palese contraddizione con quanto poco prima da loro sostenuto. Infatti, "DacciunazampaOnlus" ha inviato lo scorso 14 agosto alla Dirigente del settore e alla terna commissariale una richiesta di annullamento del bando per la gestione della struttura di Mortara (attualmente "sub judice" al TAR) con la reindizione di una nuova gara al fine di superare i molteplici vizi e difformità presenti nella selezione, un’istanza rigettata dal Comune con nota dell’11 settembre in cui - oltre a sostenersi la legittimità dell’operato dell’ente - veniva affermato come in pendenza del ricorso al TAR fosse opportuno attendere gli esiti dello stesso.

E invece, nonostante fossero evidenti le diverse violazioni di legge in cui si sarebbe incorsi nel voler assegnare ugualmente la struttura, qualcuno – non si sa in base a quali priorità – è voluto tornare sui suoi passi, dopo così tanto tempo dall’esito di quella gara. Il ripensamento della terna commissariale per una falsa risoluzione del serio problema del randagismo forse sconta la recente attenzione sollevata dal problema, ignorato da sempre.

E’ sconcertante che, in un periodo di lacrime e sangue come quello che da troppo tempo una pessima amministrazione comunale – in linea con quella che ha portato Reggio al tracollo – sta imponendo ai suoi cittadini, con la determina 2385 del primo agosto 2014 firmata dalla dirigente Stracuzza, i commissari abbiano impegnato una cifra di 770mila euro per la custodia degli animali, dispensando - al tempo stesso - convenzioni con strutture private e prorogando di tre mesi il rapporto con la società Metauria e con una società - l’Happy dog - chiusa per interdittiva antimafia. A quanto pare, in contraddizione logica con la causa stessa del loro mandato, i commissari prefettizi guardano con più indulgenza l’interdetto sospetto che il volontario animato da passione civile.

Noi reggini, forgiati da anni di malapolitica cittadina, siamo maligni ma spesso ci azzecchiamo ed allora ci si permetta di guardare con legittimo sospetto sui motivi elettoralistici dell’affidamento della gestione del canile di Mortara a persone delle quali è nota la vicinanza ai tragici – per la città di Reggio Calabria – personaggi che hanno segnato la decadenza della nostra città sindaco.

Se qualcuno avesse dubbi sulla scelta da fare il prossimo 26 ottobre avrebbe argomenti su cui riflettere in seguito a quest’ennesimo esempio di cattiva amministrazione. Il Movimento 5 Stelle cittadino non ha alcun dubbio sulla scelta di difendere l’operato di Dacciunazampa, i cui volontari - sembra -  sono  destinati allo sgombero nel vicino mercato agroalimentare, sommando problemi ad altri problemi.


Vincenzo Giordano candidato sindaco del Movimento5Stelle