Direttore: Aldo Varano    

MILETE (VV). Quinto anniversario della mistica Natuzza

MILETE (VV). Quinto anniversario della mistica Natuzza
Una fondazione, i cenacoli di preghiera ed anche la costruzione di una nuova
chiesa. Sono state queste alcune delle principali opere della mistica di
Paravati, Natuzza Evolo, morta cinque anni fa in Calabria e per la quale e' stato avviato l'iter per la
beatificazione. Nel maggio del 1987 venne costituita la fondazione di religione
e di culto 'Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle anime' che fu approvata con
decreto dell'allora Vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, mons. Domenico Cortese.
La fondazione venne poi riconosciuta civilmente dal Ministero dell'Interno ed
iscritta nel registro regionale di volontariato. La popolarita' di Natuzza
spinge le migliaia di persone che seguono le sue opere a riconoscersi in gruppi
di preghiera. E fu cosi' che nacquero spontaneamente i 'Cenacoli Cuore
Immacolato di Maria Rifugio delle Anime' che il 15 settembre 1994 si
costituirono organicamente. Negli anni in cui era in vita, Natuzza aveva parlato
del grande desiderio di realizzare la 'Villa della Gioia' che prevede una Chiesa
dedicata al Cuore Immacolato di Maria Rifugio delle Anime. Ma il progetto e'
molto piu' ampio perche' prevede anche l'attuale Centro Anziani 'Mons. Pasquale
Colloca' e il Centro Servizi alla Persona San Francesco di Paola. Poi c'e' il
Centro 'Ospiti della speranza' per malati terminali, con annesso 'Villaggio del
Conforto', che servira' ad ospitare i familiari dei malti. Su precise
indicazioni di Natuzza, l'Arch. Francesco Bruno, l'Ing. Domenico Bruno e l'Ing.
Antonio De Rose hanno redatto il progetto architettonico e strutturale della
chiesa. L'opera e' in fase di costruzione attraverso le offerte di tutti coloro
che credono nel messaggio lanciato da Natuzza. Lo schema planimetrico della
chiesa, che puo' accogliere complessivamente circa 3.000 persone, assume una
conformazione cruciforme nelle cui braccia trovano la loro naturale posizione,
la cappella del Santissimo sacramento, la cappella delle confessioni, la
cappella feriale, il sagrato davanti al quale sorge la grande piazza delimitata
dal colonnato. Nel punto d'intersezione delle braccia della croce e' posta la
grande aula assembleare quale fulcro e cuore dell'intera composizione.