Direttore: Aldo Varano    

RC. Il Museo diocesano rinnova alle Scuole la proposta didattica Tutto un altro Museo

RC. Il Museo diocesano rinnova alle Scuole la proposta didattica Tutto un altro Museo
ReP


Il Museo diocesano rinnova alle Scuole la proposta didattica Tutto un altro Museo
Visite guidate e attività didattiche sono la Proposta che il Museo diocesano rinnova nell’anno scolastico 2014-2015 alla Scuola dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di I e II grado
Differenziati per gradi scolastici e distinti filoni tematici e ispirandosi alla pedagogia della scoperta, dell’approfondimento e della condivisione delle osservazioni, i percorsi didattici hanno l’obiettivo di far conoscere il Museo diocesano, il suo itinerario espositivo, la storia dell’edificio che lo ospita e dell’adiacente Cattedrale; approfondire la conoscenza della storia della Chiesa locale, anche attraverso l’analisi della suppellettile sacra e degli arredi liturgici in uso; favorire l'avvicinamento di bambini e ragazzi alle problematiche connesse alla tutela e alla valorizzazione del territorio e del patrimonio culturale diocesano; illustrare agli studenti procedure e metodologie dell'indagine storico-artistica. In particolare, il ricorso ad attività ludiche (per le Scuole dell’Infanzia e Primaria), all’uso di schede didattiche e di strumenti multimediali qualifica la proposta didattica del Museo, favorendo ogni possibile via di apprendimento.
Consapevole che l’arte è un efficace veicolo di costruzione dell’identità personale e uno strumento idoneo anche all’età pre-scolare,il Museo diocesano rinnova la proposta didattica alla Scuola dell’Infanzia, privilegiando un approccio plurisensoriale che affianchi a quello visivo i linguaggi corporeo, gestuale e musicale, ricorrendo anche all’esperienza tattile, olfattiva e uditiva. Ne scaturiscono attività di nuova ideazione quali Esploriamo l’arte. Vediamo con le mani o Tira il dado e segui il filo o, ancora, Viaggio intorno ad una fiaba finalizzate a destare il coinvolgimento emotivo dei bambini affinvhè familiarizzino con il Museo senza trascurare, anzi attivando, il senso della meraviglia e dello stupore.
Tra le attività didattiche rivolte alla Scuola Primaria e Secondaria di I grado, varie per temi e oggetto, particolare interesse suscitano due novità: Santo Stefano, primo vescovo di Reggio e La Cattedrale dell’Assunta: viaggio nei secoli. La prima attività didattica trae avvio in Cattedrale con il racconto della consacrazione di Stefano da Nicea, primo vescovo di Reggio, illustrata in un pregevole dipinto ottocentesco, e la visita alle sepolture di alcuni arcivescovi reggini, lungo le navate laterali, e alla Galleria di ritratti arcivescovili esposti nella Sala capitolare, opere d’arte databili tra Cinque e Novecento; al Museo la visita è finalizzata ad illustrare forme e funzioni di alcune insegne episcopali appartenute ad arcivescovi di Reggio e a vescovi di Bova.
L’attività dedicata alla Cattedrale dell’Assunta, invece, prevede la visione di mappe storiche della città e di immagini d’epoca al fine di illustrare la posizione urbanistica e l’architettura dell’antica Cattedrale di fondazione normanna; la visita ad alcune Sezioni del Museo e, successivamente, quella all’edificio ecclesiastico attuale, risalente al 1928, consente di scoprire i preziosi tesori d’arte che la Cattedrale ha custodito nei secoli.
In occasione del Natale la proposta rivolta ai bambini della Scuola dell’Infanzia e Primaria assume il nome di Viaggio nel Presepe: la visita a una selezione di Presepi appartenenti alla Collezione Ninì Sapone, in Mostra nel portico del Museo è occasione per affrontare il tema della multiculturalità, attraversando le tradizioni presepiali delle varie regioni d’Italia e quelle del resto del mondo, al fine di evidenziare come le distanze geografiche e le diversità culturali tra i popoli costituiscano una ricchezza irrinunciabile.
Gli itinerari di visita guidata, rivolti in particolare alla Scuola Secondaria di II grado, includono, già da due anni, la Cattedrale e la chiesa degli Ottimati: l’approccio alle opere esposte nel Museo diocesano così come quello ad architettura e arte degli edifici ecclesiastici tiene conto del livello di abilità, competenze ed esperienza delle classi coinvolte, caratterizzandosi per un’attenzione interdisciplinare (italiano, storia, arte, religione) e l’uso di un linguaggio adeguato.
Ogni informazione utile è reperibile sul sito del Museo costantemente aggiornato: www.museodiocesanoreggiocalabria.it